Home Salute La Catalogna semplifica gli scarichi e gli scarichi dovuti al covid per...

La Catalogna semplifica gli scarichi e gli scarichi dovuti al covid per alleviare la PAC

79
0

Catalogna ha semplificato il sistema basso e alto per covid-19 con l’obiettivo di alleviare i centri di cure primarie (CAP), che sono saturi a causa dell’enorme numero di contagi di questa sesta ondata di pandemia in cui il variante omicron, più contagioso, è già dominante. Il Ministero della Salute chiama al pronto soccorso i contagiati da covid-19 che presentano sintomi lievi Non andare nei centri sanitari. Al momento, in Catalogna ci sono 123.406 persone malate a causa del covid-19. E il 3,4% degli operatori sanitari è in congedo per malattia a causa di questa malattia.

Così, da questo mercoledì, le persone che hanno bisogno di un congedo per malattia perché hanno il coronavirus e non possono telelavorare potranno elaborarlo attraverso un farmacia ha aderito al programma del TAR, aprendo una consultazione elettronica tramite Il Meva Salut o attraverso il citasalut.gencat.cat (nella sezione “sintomi covid”). Come ultima risorsa, la persona potrà chiamare il CAP o lo 061 e chiedere di essere dimessa, ma questa è “l’ultima possibilità e la meno consigliata”, secondo Salut.

Vedi anche:  I capelli di un bambino di Instagram rivelano la "sindrome dei capelli incombenti"

Inoltre, la novità presentata oggi dalla ‘conselleria’ è che, dal momento in cui l’utente elabora la cancellazione, riceverà un dimissione differita di sette giorni dopo. “Viviamo a situazione eccezionale che richiede misure eccezionali”, ha giustificato in conferenza stampa il Segretario Generale della Salute, Meritxell Maso.

La persona che richiede il recesso attraverso una delle quattro possibilità sopra menzionate, riceverà a SMS per identificare i contatti stretti ed elaborare la cancellazione, che passerà attraverso l’Institut Català d’Avaluacions Mèdiques (ICAM).

Il Ministero della Salute ha anche chiesto allo Stato di “stabilire misure eccezionali” e consentire il trattamento dei sinistri con una dichiarazione di auto-responsabilità, come già affermato ieri dal ‘consulente’ della Salute, Josep Maria Argimon. La grande differenza con questo metodo è che il medico non interviene con la dichiarazione e questa dichiarazione viene consegnata all’azienda. Ma per questo è necessario modificare un regio decreto che dipende dal governo spagnolo.

Vedi anche:  Uno studio mostra che un farmaco rallenta il cancro al seno nel 76% dei pazienti

Situazione epidemiologica

Per quanto riguarda la situazione epidemiologica, i contagi continuano a salire, anche se negli ultimi giorni l’aumento è rallentato, come dimostra il indice di riproduzione del virus (Rt), che è sceso di nuovo questo mercoledì ed è stato localizzato nel 1,08 punti. C’è stato anche un rallentamento nell’aumento del incidenza nei bambini sotto i 15 anni di età grazie al vaccino, secondo il Segretario alla Sanità Pubblica, Teste di Carmen.

Il ricoveri in ospedale e in terapia intensiva ancora salendo però “L’aumento non è così alto come la scorsa settimana”. Nelle ultime ore sono stati ricoverati negli ospedali 22 pazienti con covid-19 e in totale sono già 2.312. Di questi, 525 sono in terapia intensiva, cinque in più rispetto al giorno prima. “L’aumento è inferiore rispetto alla scorsa settimana, ma queste cifre ci collocano in una fascia molto importante di ammissioni a ucis”, ha avvertito Cabezas.

Articolo precedenteCome guardare Manchester City vs Chelsea: informazioni in diretta sulla Premier League, canale TV, ora, quote di gioco
Articolo successivoCos’è il cancro al seno? Sintomi, trattamento e mortalità