Home Salute La Catalogna ora dice che non rimuoverà le mascherine nelle aule questo...

La Catalogna ora dice che non rimuoverà le mascherine nelle aule questo lunedì

63
0

Il Dipartimento della Salute non comincerà a rimuovere le mascherine dalle aule questo lunedì, 28 febbraio, come aveva affermato il “consigliere” Josep Maria Argimon. Tale provvedimento deve essere discusso e approvato nel Consiglio Interterritoriale del Ministero della Salute, qualcosa che si terrà la prossima settimana.

Quindi, la Catalogna chiederà al Consiglio Interterritoriale la prossima settimana rimuovere le mascherine nelle aule, come affermato questo venerdì Argimone nell’attenzione ai media.

Questa è una misura che Salut vuole applicare gradualmente, iniziando per i più piccoli e finendo con gli studenti delle scuole superiori. La Catalogna voleva che la questione venisse affrontata questa settimana, ma la questione ha dovuto essere rinviata a causa dell’agenda politica dello Stato in questi giorni.

Il provvedimento che la Catalogna intende approvare si basa su un rapporto dell’Associazione spagnola di pediatria in cui proponeva un calendario per la progressiva rimozione della mascherina nelle scuole, a partire dalla prima e dalla seconda elementare da lunedì 28, e ventilazione di rinforzo. Terza e quarta delle primarie, dal 14 marzo; quinto e sesto, dal 28 marzo; Istruzione secondaria obbligatoria (ESO), dal 25 aprile e maturità, il 9 maggio.

Vedi anche:  Come sapere se ho il covid, l'influenza o il raffreddore?

In un atto per i due anni del primo caso confermato di covid-19 in Catalogna, presso l’Hospital Clínic, il “consulente” ha guardato indietro e ha affermato che il protocollo di fine vita ora sarebbe stato fatto diversamente, prima che il processi di lutto che non hanno saputo chiudersi bene (molte persone sono morte da sole negli ospedali). “Sono duelli poco chiusi e devono essere esplicitati”.

Articolo precedenteEpidemia di scabbia: c’è la peste in Spagna?
Articolo successivoWall Street chiude in rosso in attesa dell’Ucraina e con una botta di petrolio