Home Economia La carenza di CO2 mette in pericolo la produzione alimentare

La carenza di CO2 mette in pericolo la produzione alimentare

82
0

Gli alti prezzi del gas naturale hanno quasi fermato la produzione di anidride carbonica (CO2), una sostanza essenziale per la produzione di cose come birra, bibite gassate o cibi surgelati.

Un pub senza birra?

I prezzi elevati del gas stanno paralizzando la produzione di fertilizzanti artificiali e questo non è un problema solo per gli agricoltori. L’ammoniaca utilizzata nei fertilizzanti produce anidride carbonica (CO2) come sottoprodotto che ha tutti i tipi di applicazioni spesso inaspettate, dalle bibite ai macelli. Il fatto che il più grande impianto di CO2 dell’Europa occidentale abbia interrotto la produzione all’inizio della scorsa settimana – e che altri fornitori stiano fornendo a un prezzo inferiore o molto più costoso – sta mettendo in crisi molti produttori e rivenditori di alimenti.

La scorsa settimana, il supermercato online olandese Picnic è stato il primo a riferire che non sarebbe più in grado di fornire prodotti surgelati a causa della carenza di ghiaccio secco (CO2 solida). Preoccupano anche la federazione alimentare belga Fevia e l’organizzazione di settore Belgian Brewers, tra gli altri. “Per il momento, i problemi sono limitati a una manciata di birrifici che dipendono dall’unico fornitore di CO2 che chiude il suo impianto. Ma cosa accadrebbe se ancora più impianti chiudessero la prossima settimana? Ciò avrebbe conseguenze gigantesche, non solo per i birrifici”, ha detto a VRT Nws il direttore di Belgian Brewers Krishan Maudgal.

Vedi anche:  In teoria, nell'area dei 18 euro, Solaria torna a dare segnale di acquisto

“Stiamo ricevendo molti segnali dalle aziende che la situazione è davvero problematica”, concorda Fevia. Solo un calo dei prezzi del gas può rimettere in carreggiata la produzione di fertilizzanti, e quindi l’intero ecosistema. I macelli, che utilizzano l’anidride carbonica per lo stordimento, menzionano anche una carenza di CO2, che porta a aumenti insostenibili dei prezzi. La situazione è monitorata da vicino dal settore alimentare, ma al momento non c’è altra opzione che aspettare e vedere come si evolverà nelle prossime settimane.

Articolo precedenteCarrefour Belgio si unisce alla Francia nel price cap
Articolo successivoDiretta streaming Serie A: come vedere Inter, Milan, Napoli online, notizie squadre, pronostici, quote