Home Economia La Borsa negozia 32.776 milioni a giugno, il 6,7% in meno rispetto...

La Borsa negozia 32.776 milioni a giugno, il 6,7% in meno rispetto allo scorso anno

67
0

Il mercato azionario spagnolo ha scambiato azioni 32.776,4 milioni di euro a giugnoun 1,5% in più rispetto a maggio e 6,7% in meno rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. Il valore registrato nel primo semestre migliora dell’11,8%. Il numero delle negoziazioni a giugno è stato di 3,3 milioni, che rappresenta un decremento del 4,6% rispetto a maggio e del 6,5% rispetto allo stesso mese del 2021. Il tasso annuo cumulato è sceso del 4,7%.

BME ha raggiunto una quota di mercato nel trading di titoli spagnoli del 66,63%. Lo spread medio durante questo mese è stato di 6,98 punti base al primo livello di prezzo (2,1% in più rispetto alla prossima sede di negoziazione) e 9,33 punti base con una profondità del portafoglio ordini di € 25.000 (27,1% in più), secondo il rapporto indipendente di LiquidMetrix. Tali dati comprendono le negoziazioni effettuate nelle sedi di negoziazione, sia nel libro degli ordini trasparenti (LIT), comprensivo delle aste, sia le negoziazioni non trasparenti (dark) effettuate al di fuori del book.

Vedi anche:  Gestamp, CIE, Volkswagen, BMW, Renault... altri ribassi nel settore Automotive

Il volume si è contratto a giugno nel i mercati obbligazionari hanno raggiunto i 10.660,58 milioni di euro, il 12,9% in meno che a maggio. Le ammissioni alla negoziazione, comprensive di emissioni di debito pubblico e reddito fisso privato, sono salite a 39.658,8 milioni di euro, con un incremento mensile del 61,6%.

Il saldo residuo si è attestato a 1,77 trilioni di euro, con un aumento del 2,4% finora quest’anno e del 3,2% rispetto a giugno 2021.

Il mercato dei derivati ​​finanziari Nel mese di giugno ha negoziato 2,9 milioni di contratti per un importo nominale di 40.380 milioni di euro. Da inizio anno, le contrattazioni sono aumentate del 14,3% nei futures Ibex 35 e del 15,1% nei futures mini Ibex. Nei contratti azionari, a aumento mensile del 1.190,3% nel trading di futures e il 18,1% in opzioni per effetto della concentrazione della posizione aperta in scadenze trimestrali e del suo trasferimento alla scadenza successiva, a quella dello stesso trimestre dell’anno successivo oa quella successiva.

Vedi anche:  Solaria è un continuo che voglio e non posso: il supporto di 15,50 euro è fondamentale

La posizione aperta sui contratti Futures Mini Ibex è aumentata del 12,7% nel mese.

Articolo precedenteJulius Baer: Il petrolio sale a causa dei timori “infondati” di una scarsa offerta
Articolo successivoApple Music lancia la propria pagina musicale in catalano