Home Economia La Bce chiede alle banche di “ricalcolare” i propri dividendi di fronte...

La Bce chiede alle banche di “ricalcolare” i propri dividendi di fronte alla possibile recessione

78
0

Il Banca centrale europea (BCE) ha interrogato il distribuzione di dividendi delle banche europeea cui ha chiesto “ricalcolare” i propri piani di fronte al rischio di una recessione economica alimentata dalla guerra in Ucraina e dall’elevata inflazione.

Nove mesi dopo aver revocato il veto sulla distribuzione del dividendo in vigore tra marzo 2020 e settembre 2021, è stato Presidente del Consiglio di Sorveglianza, Andrea Enriache ha chiesto alle banche di modificare i propri programmi di compenso degli azionisti o di riacquistare azioni proprie.

Nello specifico, l’italiano ha indicato che “proporremo alle banche di ricalcolare le loro traiettorie patrimoniali in uno scenario più avverso, che anche potenzialmente includere uno scenario di embargo sul gas o di recessionee che lo utilizzino anche per rivedere i loro piani di distribuzione in futuro”.

Vedi anche:  L'Arabia Saudita negozia l'accettazione dello yuan nelle vendite di petrolio alla Cina

Si è saputo recentemente che La Germania ha alzato il livello di allerta per le forniture di gas Y Gazprom ha annunciato che taglierà le forniture di gas del 40% al paese dell’Europa centrale “per ragioni tecniche”. La Germania ritiene che il flusso di gas non riprenderà una volta completate queste attività di manutenzione.

La proposta annunciata da Enria sarà discussa dal Supervisory Board della Bce la prossima settimana, come spiegato dalla Bce alla Commissione Affari economici e monetari del Parlamento.

Mentre è vero un graduale rialzo dei tassi di interesse, come proposto dalla BCEgioverebbe alle banche in generale, lo ha avvertito l’italiano esiste il rischio di un aumento più marcato. Se un tale cambiamento dovesse verificarsi nel modo di procedere della banca centrale, avrebbe ripercussioni sui clienti, soprattutto in caso di leva finanziaria elevata.

Vedi anche:  I titoli asiatici scendono dopo l'aumento del PIL e il calo delle vendite al dettaglio in Cina

L’attuale contesto, tuttavia, è caratterizzato da una maggiore volatilità e da valutazioni azionarie inferiori, poiché i mercati prevedono che la redditività e la qualità degli attivi delle banche potrebbero essere influenzate da sviluppi macroeconomici avversi.

Articolo precedenteChiusura ribassista per l’Ibex 35, che perde l’8,5% a giugno e il 7% nel semestre
Articolo successivoL’OPEC+ si impegna a mantenere l’aumento della produzione fino a 648.000 barili al giorno