Home Economia Investire in Berkeley?: non importa quanto rimbalzi, continuerà ad essere ribassista

Investire in Berkeley?: non importa quanto rimbalzi, continuerà ad essere ribassista

79
0

Berkeley ha ribadito che continuerà a lottare per la sua miniera di Salamanca nel suo ultimo rapporto trimestrale, in cui l’azienda ha anche sottolineato i bei tempi che sta attraversando il mercato dell’uranio.

Analisi tecnica
VALORI IN DISCESA
VALORI IN DISCESA
S1
0,1381
S2
0,0920
R1
0,1937
R2
0,2250

Breve termine

Medio termine

Lungo termine

Berkeley ha approfittato la tua relazione trimestrale mettere in luce i momenti positivi che sta attraversando il mercato dell’energia nucleare, trainato da una crisi energetica che ne ha accresciuto il valore. Sottolinea, quindi, che l’energia nucleare è stata ulteriormente rafforzata nel corso del trimestre, con una serie di importanti traguardi.

Tecnicamente è un valore che non c’è dove portarlo indipendentemente da ciò che fai a breve termine. Negli ultimi mesi e ogni volta ha avuto un forte rimbalzo, il movimento è sempre rimasto al di sotto del massimo precedente. O cos’è lo stesso, abbiamo massimi e minimi decrescenti e quindi non sale. Per non parlare dell’importante resistenza che ha nel gap al ribasso della seduta del 3 novembre a 0,1937 euro. Un vuoto che è stato colmato quasi del tutto di recente, ma non è stato ancora colmato.

Vedi anche:  ACS propone un aumento di capitale per un massimo di 600 milioni di euro

Oggettivamente, in questo momento non c’è motivo di investire nell’azienda. Gli alti e bassi più bassi si susseguono ancora e ancora e viene scambiato anche lontano dalle aree di controllo chiave. In qualche modo si può dire che lo abbiamo in una zona di nessuno. Come mi piace dire, il prezzo a cui è quotata l’azione dice tutto.

bky3101222
Grafico giornaliero di Berkeley (BKY)
Articolo precedenteRyanair attacca la parte alta del fianco (resistenza) degli ultimi 14 mesi
Articolo successivoIl petrolio Brent raggiunge i 91 dollari mentre persistono le tensioni sull’Ucraina