Home Salute Iniziano le prove umane di un farmaco che cura il cancro al...

Iniziano le prove umane di un farmaco che cura il cancro al pancreas nei topi

176
0

Il prossimo giugno in Spagna e luglio negli Stati Uniti, il prove umane di un farmaco, creato dalla biofarmaceutica basca Oncomatryx, che ha fatto scomparire il cancro al pancreas invasivo nei topi, polmone e seno triplo negativo, per il quale attualmente non esiste un trattamento efficace.

Un totale di 150 pazientiscelti secondo i criteri dei loro oncologi, parteciperanno alle sperimentazioni cliniche del nuovo farmaco, pioniere in Europa.

Le prove si svolgeranno presso l’Onkologikoa (San Sebastián), l’ospedale 12 de Octubre (Madrid), l’Istituto Catalano di Oncologia, l’ospedale Vall d’Hebron, la Virgen de la Victoria (Málaga), la clinica Anderson (Madrid) e la Pamplona University Clinic, oltre al Beth Israel Hospital, dell’Università di Harvard (USA).

La durata di queste prove è di due anni. e se i risultati sono buoni, potrebbe essere richiesto un “percorso veloce” per andare al mercato, che lo faciliterebbe commercializzazione in 4 o 5 annicome ha spiegato in conferenza stampa il fondatore di Oncomatryx, lo scienziato Laureano Simon.

Ha precisato che il farmaco in questione (OMTX705) potrebbe anche funzionare sui tumori metastatici dell’ovaio e della vescicae in qualche tipo di sarcoma.

Simón è stato “fiducioso e ottimista” con i risultati dei test, anche se ha specificato che, nonostante l'”alta probabilità” di successo, è anche necessario siiprudente perché ci sono stati casi di trattamenti che hanno fallito nel tentativo di passare dagli animali alle persone.

Vedi anche:  I capelli di un bambino di Instagram rivelano la "sindrome dei capelli incombenti"

“Il risultato ideale sarebbe che sia guarito, e infatti in alcuni topi il tumore è scomparso, ma sarebbe anche bello se prolungasse la vita per anni e con una buona qualità, perché, a quanto pare negli animali, OMTX705 non genera resistenze né effetti collaterali e può essere somministrato per anni. È efficace, molto potente e molto sicuro”, ha spiegato.

Ecco come funziona il nuovo farmaco

La “grande novità” di questo farmaco è che si tratta di un anticorpo coniugato (anticorpo più farmaco) che attacca il “microambiente tumorale” -tutto ciò che circonda il tumore e lo aiuta a crescere e diffondersi- invece del tumore direttamente, che è la via di trattamento utilizzata fino ad ora.

” Agendo in questo modo, il tumore non ha bisogno di evolversi o generare percorsi di difesa. Il farmaco uccide le cellule che circondano il tumoreche sono quelli che causano metastasi e immunosoppressione, e che, inoltre, sono il loro scudo protettivo contro i trattamenti antitumorali convenzionali”, ha spiegato.

Simón ha aggiunto che, finalmente, il farmaco uccide il tumore stesso, e tutto questo senza danneggiare gli organi e le cellule vicine, perché “attacca solo ciò che deve attaccare: noi le chiamiamo proiettili magici.”

Ha sottolineato che sia in precedenti ricerche in laboratorio (con cellule) che con animali, i risultati sono stati “estremamente potenti, molto superiori agli standard di riferimento”, e ha ricordato che l’origine di questa ricerca risale a 15 anni fa quando hanno scoperto che i cambiamenti molecolari nei tumori del pancreas “non sono registrati nel tumore, ma nel microambiente che lo circonda”.

Vedi anche:  Data della quarta dose di vaccino covid e chi lo riceverà per primo

Ha sottolineato che l’importanza di questo farmaco risiede anche nel fatto che “apre una nuova strada” per combattere i tumori e che se avrà successo “altri seguiranno”.

piccolo farmaceutico

Oncomatryx è un’azienda con uno staff di 25 professionisti -le grandi case farmaceutiche arrivano a 2.500- che è riuscita a sviluppare questa ricerca attraverso alleanze con università, ospedali e centri di ricerca europei e americani.

Finora ha stanziato 35 milioni di euro per questo progetto e prevede di investire altri 50 milioni nel prossimo triennio, parte con risorse proprie, “che già abbiamo”, e parte con investitori pubblici, privati ​​e internazionali.

In questo momento, il cancro del pancreas ha un tasso di sopravvivenza molto basso, tra l’1% e il 4% cinque anni dopo la diagnosi, mentre il cancro del polmone è la principale causa di morte negli uomini per questa malattia e la terza negli uomini e nelle donne.

In Spagna vengono diagnosticati ogni anno 8.700 casi di cancro al pancreas, 29.000 al polmone e 7.000 al seno triplo negativo.

Articolo precedenteIl Leeds United evita la retrocessione in Premier League e la squadra di Jesse Marsch è destinata ad aggiungere più sapore americano
Articolo successivoDovremmo buttare l’olio dalle scatole di tonno? Quindi puoi approfittarne