Home Sport Il ritorno della Juventus di Paul Pogba: il centrocampista francese può recuperare...

Il ritorno della Juventus di Paul Pogba: il centrocampista francese può recuperare il suo mojo in vista del Mondiale del Qatar?

91
0

Paul Pogba sta tornando Juve dopo sei stagioni in gran parte insoddisfacenti con il Manchester United, ha optato per un secondo periodo con un altro dei suoi ex club nella speranza che il ritorno a Torino non rispecchi la sua miseria all’Old Trafford. Ora 29, il nazionale francese è a un bivio nella sua carriera con abbastanza tempo rimasto per esprimere l’immenso talento che tutti sanno che possiede quando ha voglia di scatenarlo, ma ugualmente abbastanza vicino a 30 per non avere più a che fare con il potenziale.

Pogba torna in Serie A sapendo che non ha altra scelta che riuscire con un solo titolo di UEFA Europa League e una Coppa EFL con i Red Devils dopo i quattro trionfi consecutivi di Scudetto, oltre a due corone di Coppa Italia e Supercoppa a testa vinte con Juve. Ad oggi, non c’è dubbio che il successo della Coppa del Mondo FIFA 2018 con i Bleus sia stato il suo più grande trionfo in carriera, ma anche quello è svanito nello specchietto retrovisore quando si valuta la sua carriera, soprattutto considerando che l’evento del 2022 si terrà entro la fine dell’anno .

C’è una sensazione di successo nel ritorno di Pogba allo Juventus Stadium e la sua decisione di tornare in Italia arriva dopo che il Paris Saint-Germain ha raffreddato il loro interesse per il centrocampista come parte dei radicali cambiamenti estivi al Parc des Princes. La sua patria potrebbe averlo rinvigorito? Non lo sapremo mai. Mentre varie figure nel corso della sua carriera hanno sottolineato quanto sia più felice con i suoi connazionali che al club, incluso il suo defunto grande agente Mino Raiola, il Paris avrebbe potuto vedere Pogba scivolare più a fondo nella sua zona di comfort.

Vedi anche:  Pronostici Napoli vs. Liverpool, scelte, come guardare, live streaming: 7 settembre 2022 Pronostici UEFA Champions League

Questo è ciò che rende la Juve una meta così interessante. È abbastanza lontano dalla periferia parigina da non essere considerato casa, ma è abbastanza familiare da essere considerato una sorta di rifugio sicuro in un momento fragile. Questo forse spiega perché la carriera da professionista senior di Pogba è stata finora uno dei temi ricorrenti con due periodi separati a Manchester e ora una coppia anche a Torino, sebbene La Vecchia Signora sia l’unico club ad aver assistito a due importanti uscite da senior.

Forse parte dell’influenza che ha aiutato Pogba ad arrivare a questo punto deriva dal fatto che la nazionale francese non è più il luogo di conforto di qualche anno fa, nonostante il successo della UEFA Nations League. L’allenatore Didier Deschamps è sotto pressione per difendere il titolo della Coppa del Mondo della squadra in Qatar entro la fine dell’anno, mentre le ricadute post-UEFA Euro 2020 sono state brutali per la squadra nel suo insieme e non solo per Pogba.

N’Golo Kante è disponibile sempre meno frequentemente e non solo ciò influisce sulla configurazione e sull’equilibrio di Les Bleus, ma altera anche la chimica in campo e pone ulteriore enfasi su Pogba quando lui stesso è disponibile e in campo. Deschamps crede senza dubbio in Pogba con tutto il cuore e il prodotto dell’accademia giovanile di Le Havre AC è emerso come una delle figure di leadership per il suo paese.

Vedi anche:  Power Rankings della UEFA Champions League: il Liverpool sale al primo posto con il Chelsea in scivolata prima del pareggio

Forse lui e Adrian Rabiot potrebbe costruire a sua volta un rapporto simile che potrebbe tradursi sulla scena internazionale. Dato che il fastidioso centrocampista potrebbe essere in via di uscita dopo un periodo misto dal suo arrivo dal PSG, forse è più probabile che lasci il posto a Pogba piuttosto che fare coppia con lui e potenzialmente formare uno dei migliori tandem d’Europa nel bel mezzo di il parco.

Dentro e fuori dal campo, Pogba sembra un po’ perso al momento, il che è comprensibile in una certa misura data la forte influenza di Raiola sulla sua carriera e forse è per questo che ha optato per un territorio familiare invece di entrare nell’ignoto. Tutti gli occhi saranno puntati sulla stella francese e sulla Juve nella prossima stagione in Serie A e con la Coppa del Mondo incombente, ha bisogno di scendere in campo sotto Massimiliano Allegri, per il quale ha giocato in precedenza alcuni dei suoi migliori calciatori.

Se Pogba rimane impantanato nella sua attuale zona di comfort, tuttavia, le possibilità che riscopriamo il giocatore che a volte è stato un talismano per la Francia nel loro successo del 2018 diventeranno sempre più remote.

Articolo precedenteFotoprotezione per tutti i tipi di pelle
Articolo successivoTrasferimento Cristiano Ronaldo: Chelsea legato alla superstar del Manchester United, ma ha senso una mossa?