Home Economia Il prestito obbligazionario statunitense a 10 anni, sopra il 2% per la...

Il prestito obbligazionario statunitense a 10 anni, sopra il 2% per la prima volta dal 2019

75
0

La redditività di Obbligazione statunitense di 10 anni sta sopra il Due%una cifra che non veniva raggiunta dal 2019. Questo tetto è stato superato per la prima volta questo giovedì, mentre durante la sessione di questo venerdì era intorno 2,04%-2,05%.

La causa dietro questo movimento è il grande progresso di inflazione negli Stati Uniti nel mese di gennaio, dato che è stato pubblicato proprio questo giovedì. I prezzi della principale economia mondiale sono rimbalzati nel primo mese del 2022 a 7,5%, la crescita più alta dal 1982, con un tasso di crescita mensile che si è mantenuto allo 0,6%.

Nel frattempo, l’inflazione core, che esclude cibo ed energia, ha raggiunto il 6%, rispetto al 5,5% precedente e al 5,9% previsto.

“Va riconosciuto che i commenti dei funzionari della Fed non ci stanno rendendo la vita facile in questo frangente. Il mercoledìun funzionario ha dichiarato che l’inflazione rimarrà alta fino all’estate, e questo giovedì un altro funzionario ha considerato la possibilità di rialzi dei tassi di interesse tra le riunioni, ovvero che la Fed aumenti i tassi anche tra le riunioni”, commenta Markus Allenspach, Responsabile della ricerca sul reddito fisso presso Julius Baer.

Vedi anche:  La terza volta è fortunata?: Telefónica attacca il "gap" ribassista settimanale di 4,24 euro

“Diciamo da tempo che il I titoli del Tesoro dovrebbero avvicinarsi al rendimento obiettivo dei nostri economisti 2,05% per chiudere il nostro rating di credito moderato e di breve durata. Data l’ansia del mercato e la cascata di commenti della Fed, non possiamo escludere un picco dei rendimenti dei Treasury nel breve termine”.

In Banca Danske stima che l’obbligazione statunitense a 10 anni possa salire a 2,45% nel corso dei prossimi 12 mesi.

Articolo precedenteQuaderno di calcio: il nuovo enorme centro di allenamento del PSG, Pochettino su Mbappe, l’ultima collaborazione con Jordan, altro ancora
Articolo successivoEcco come le celebrità si preparano per il Goya