Home Economia Il petrolio scende fortemente preoccupato, ancora una volta, per la situazione in...

Il petrolio scende fortemente preoccupato, ancora una volta, per la situazione in Cina

93
0

Il petrolio è in forte calo in questo momento lunedì. Il Il barile di Brent è rimasto al 3,43%fino a $ 103,50 e il Il Texas occidentale perde il 3,73%fino a $ 100,80.

I cali di greggio vengono dopo dati macro più deboli dalla Cina questo fine settimanache fa crescere i timori di un rallentamento economico che si tradurrà, a sua volta, in una minore domanda di greggio.

Il mese scorso il PMI manifatturiero cinese è sceso dal 49.5 al 47.4 e i servizi dal 48.4 al 41.9, quest’ultimo è il più basso da febbraio 2020. L’ufficio statistico ha affermato che il calo riflette sia la minore domanda che l’offerta. Sia gli ordini interni che quelli all’esportazione sono diminuiti drasticamente. Le misure adottate dal colosso asiatico per contenere il Covid -‘Covid-zero’- continuano a penalizzare la sua economia.

Vedi anche:  Sabadell consiglia di acquistare Meliá: un "valore a lungo termine" con "capacità di essere redditizio"

“Con l’aumento dei blocchi totali e parziali da marzo, gli indicatori economici della Cina sono precipitati ulteriormente in rosso. Ora ci aspettiamo che il PIL cinese rallenti ulteriormente nel secondo trimestre“, afferma il capo dell’economia dell’APAC presso Wood Mackenzie, Yanting Zhou, in una nota raccolta da ‘CNBC’.

“La volatilità del mercato petrolifero continuerà, con possibilità di Lockdown più ampi e più lunghi fino a maggio e oltreche distorce i rischi a breve termine per la domanda di petrolio cinese – e i prezzi – al ribasso”.

Dal lato dell’offerta, è probabile che l’OPEC+ si attenga al suo accordo attuale e accetti un altro piccolo aumento della produzione entro giugno, quando si incontrerà. 5 maggiosei fonti del gruppo di produttori hanno detto a “Reuters” giovedì.

Allo stesso modo, l’offerta sarà influenzata anche dalle ultime notizie legate alla guerra. La Germania ha riconosciuto di essere pronta a sequestrare il petrolio russo. I ministri dell’Energia dell’Unione Europea si incontrano questo lunedì a Bruxelles in modo straordinario per negoziare un nuovo pacchetto di sanzioni contro la Russia, che potrebbe includere embargo graduale sulle importazioni di petrolio russo.

Vedi anche:  L'Ibex 35 sale e supera la resistenza in attesa dell'IPC statunitense

Articolo precedenteTre pietre miliari che mostrano la punizione subita da Wall Street lo scorso aprile
Articolo successivoBruxelles studia un embargo graduale sulle importazioni di petrolio russo