Home Economia Il petrolio sale con entusiasmo sulla proposta di divieto totale del greggio...

Il petrolio sale con entusiasmo sulla proposta di divieto totale del greggio russo

44
0

Il petrolio ha ripreso a salire più forte (Brent barile: +2,5%, 107,58 dollari; WTI barile: +2,6%, 105,11 dollari) appena sono state rese note le dichiarazioni della presidente della Commissione Europea (CE), Ursula von der Leyen , chi ha chiesto questo mercoledì un embargo totale sul greggio russo.

Ovviamente Von der Leyen rilancia un periodo transitorio fino alla fine dell’anno contenere lo shock ai mercati e preparare vie di approvvigionamento alternative.

“Sia chiaro, non sarà facile. Alcuni Stati membri sono fortemente dipendenti, ma dobbiamo solo lavorarci sopra. Stiamo ora proponendo un divieto del petrolio russo, un divieto totale alle importazioni di tutto il petrolio russo“, ha proclamato il capo dell’Esecutivo comunitario nella sessione plenaria del Parlamento europeo riunito a Strasburgo (Francia).

“Il greggio Brent e il WTI sono scambiati notevolmente in rialzo a causa del preoccupazione per l’offerta prima dell’annuncio dell’UE“afferma Victoria Scholar, chief investment officer di Interactive Investor.

Vedi anche:  Perché bitcoin sta frenando il suo rally nonostante il celebre ordine di Biden su criptovalute e dollaro digitale?

La Russia fornisce circa un quarto delle importazioni di petrolio dell’UE. La Germania, il principale acquirente del greggio russo, ha importato circa un terzo del proprio petrolio l’anno scorso.

“È probabile che questo fatto generare forti venti contrari per l’economia dell’UEin particolare per la Germania, e ciò potrebbe far salire i livelli dei prezzi e aggravare il contesto inflazionistico. Per questo la Banca Centrale Europea sarà molto vigile, poiché è probabile che le aspettative del mercato in merito al rialzo dei tassi di interesse vengano anticipate”, aggiunge Scholar.

Articolo precedenteL’attività del settore dei servizi spagnolo riprende ad aprile e cresce più del previsto
Articolo successivoL’OPA delisting su Greenalia mette Ecoener “sotto i riflettori”