Home Economia Il Parlamento Europeo vota ‘no’ al divieto di mining di bitcoin e...

Il Parlamento Europeo vota ‘no’ al divieto di mining di bitcoin e promuove ‘cryptos’

54
0

Il bitcoin mantiene incrementi moderati questo martedì, dopo essere salito, di nuovo, quasi vicino ai 40.000$ lunedì. Il la valuta digitale ha lasciato un massimo a 39.742 dollarisecondo i dati di CoinMarketCap, dopo aver appreso che i deputati europei hanno votato contro la normativa sul mercato delle criptovalute che ha aperto le porte a un divieto di mining di valuta digitale come bitcoin stesso ed ethereum.

I membri della commissione per i problemi economici e monetari del Parlamento europeo hanno detto ‘no’ a un disegno di legge che avrebbe potuto comportare un veto de facto delle criptovalute basato sul modello di prova del lavoro (PoW-), sotto i riflettori per essere altamente inquinanti.

Introdotto nel 2020 come parte della strategia di finanza digitale della Commissione europea, il Markets in Crypto Assets Bill (MiCA) mira a rafforzare la regolamentazione sulle criptovalute stabilendo un regime di licenza uniforme in tutta l’UE. Il quadro normativo contiene 126 articoli e piani dettagliati per la loro applicazione da parte degli Stati membri.

In particolare, una delle versioni del disegno di legge in esame conteneva un linguaggio che limitava le blockchain basate su questo protocollo. Ha stabilito che, nell’ambito dei requisiti per poter estrarre criptovalute, i fornitori di questo servizio, che consiste in potenti computer che risolvono problemi matematici per mantenere attiva la “blockchain”, dovevano presentare un piano dettagliato per il loro rispetto della sostenibilità ambientale standard. Lo svantaggio di questo approccio è che le blockchain decentralizzate come bitcoin non hanno un operatore centrale.

Vedi anche:  L'Ibex 35 e l'Europa iniziano la settimana con calma, con il petrolio di nuovo in rialzo

Alla luce di ciò, e in seguito alla protesta pubblica sulla bozza originale, Stefan Berger, membro del Parlamento europeo per la Germania, presentato la scorsa settimana una versione più favorevole alle criptovalute. Martedì ha twittato: “Non è più pianificata una discussione indipendente sul modello proof-of-work nel MiCA”.

Sebbene la bozza originale sia stata messa ai voti, non è stato sostenuto dalla maggioranza dei membri del parlamento. 30 membri del comitato hanno votato contro la versione restrittiva e solo 23 hanno votato a favore, sei si sono astenuti. Di conseguenza, la versione più moderata passerà ora ad altre istituzioni dell’Unione Europea (UE).

Gli attivisti ambientali hanno sempre chiamato a mettere in discussione il consumo energetico di bitcoin. Tuttavia, uno Il divieto di mining di PoW avrebbe lasciato l’Europa indietro mentre altre giurisdizioni cercano di guidare l’innovazione. Avrebbe portato al divieto di bitcoin ed ethereum.

Vedi anche:  Bitcoin rende 45.000 e punta a ulteriori cali tra i verbali della Fed e l'incertezza globale

A seguito della votazione, i legislatori hanno eliminato il testo seguente: “Le criptovalute saranno soggette a standard minimi di sostenibilità ambientale rispetto al loro meccanismo di consenso utilizzato per convalidare le transazioni, prima di essere emesse, offerte o ammesse alla negoziazione nell’Unione” .

Secondo “Bloomberg”, i legislatori hanno aggiunto mining di criptovalute “alla tassonomia dell’UE per la finanza sostenibile”.

legislatori deciderebbero quindi se le criptovalute rientrano nella classificazione degli investimenti sostenibili. Le classificazioni potrebbero differenziare tra PoW e altri protocolli, incluso il modello Proof of Stake (PoS).

La versione finale del MiCA passerà ora attraverso determinati canali e gli Stati membri dell’UE prima del voto finale al Parlamento europeo.

Articolo precedente“Bitcoin non è un rifugio con l’Ucraina, ma una copertura contro il rischio politico”
Articolo successivoNaturgy si aggrappa al supporto di 22-22,25 euro come ‘un chiodo in fiamme’