Home Technologia Il Mobile World Congress si chiude con oltre 60.000 partecipanti

Il Mobile World Congress si chiude con oltre 60.000 partecipanti

72
0

Il Mobile World Congress (MWC) ha detto addio questo giovedì con un chiaro messaggio di ripresa. Il congresso tecnologico svoltasi questa settimana tra Barcellona e l’Hospitalet de Llobregat ha superato ogni aspettativa e ha accolto più di 60.000 partecipanti provenienti da 200 paesi, un dato che nonostante sia lontano dall’era pre-pandemica mostra una tendenza al rialzo dopo due anni di maggiore impatto da parte del crisi sanitaria del covid. “È stato emozionante riunire la nostra comunità, così appassionata di connettività, per discutere le opportunità che ci attendono”, ha affermato. John Hoffmannamministratore delegato della GSMAorganizzatore della fiera.

Tale recupero è stato rilevato anche nei corridoi della Gran Via de Fiera di Barcellona, dove Mobile ha occupato sette dei suoi otto padiglioni, in notevole espansione rispetto allo scorso anno. Vi hanno esposto più di 1.900 aziende provenienti da un massimo di 160 paesi e solo quelle di potenze come Cina o Giappone non hanno potuto partecipare di persona a causa delle restrizioni alla mobilità imposte nei loro paesi dal pandemia.

Oltre ai partecipanti faccia a faccia, i discorsi e i dibattiti del Mobile hanno raccolto più di 500.000 spettatori giornalieri unici nella sua trasmissione online. Dei 1.000 relatori che hanno partecipato al congresso, solo il 36% sono state donne, mancanza di parità profondamente radicato nel settore tecnologico e questa è una delle sfide per le prossime edizioni. “E’ stata un’edizione assolutamente vincente che rappresenta un ritorno alla normalità, per mettere il Barcellona sulla mappa”, ha festeggiato Costanti Serrallonga, direttore generale della Fira de Barcelona. All’inizio, l’organizzazione stimava l’impatto del congresso sul territorio in circa 240 milioni di euro e la creazione di circa 6.700 posti di lavoro part-time, cifre che il GSMA confermerà nei prossimi giorni.

Vedi anche:  L'Australia fa causa a Facebook per aver tratto profitto da truffe sulle criptovalute

L’accordo dell’organizzazione con Barcellona per ospitare il MWC scade nel 2024. Hoffman ha spiegato in un’intervista a EL PERIÓDICO che dal prossimo anno si comincerà a pensare se rinnovare o meno quel rapporto simbiotico con la capitale catalana iniziato nel 2006 Serrallonga è stato ottimista su quello che potrebbe succedere poi: “Il nostro compito è realizzare ogni anno la migliore edizione possibile e, vista la soddisfazione di GSMA, sono tranquillo”.

tendenze tecnologiche

La progressione di Mobile come vetrina tecnologica globale è stata interrotta nel 2020 con l’emergere del coronavirus, che ne ha costretto la cancellazione. Nell’edizione dell’anno precedente, il 2019, la fiera aveva raccolto 109.000 persone, il suo record storico. Dopo il colpo della pandemia, GSMA ha optato nel 2021 per un formato ibrido che ha consentito la partecipazione di 30.000 partecipanti.

Oltre ad avviare un percorso di ripresa verso la normalità pre-pandemia, il MWC che si conclude questo giovedì è stato caratterizzato dall’espansione di settori del settore come la connettività 5G e la robotica, la telefonia mobile, l’Intelligenza Artificiale e l’informatica nel cloud e altri trend più recentemente diffusi come la realtà virtuale e la criptoeconomia.

Promuovere le start-up

Mentre l’anno scorso 4 anni da adesso (4YFN) è stata una delle principali attrattive all’interno del congresso (era la prima volta che si teneva nelle stesse strutture), il trambusto generale delle persone nei sette padiglioni che Mobile ha occupato quest’anno hanno riconvertito la sala start-up in un’altra attrazione. Non meno successo per questo: l’evento ha festeggiato quest’anno la sua ottava edizione e, in linea con i bei tempi che stanno vivendo l’ecosistema di Barcellona in particolare e l’Europa in generale, lo ha fatto con cifre già simili a quelle di prima della pandemia.

Vedi anche:  Reporter senza frontiere denuncia la "campagna di repressione senza precedenti" contro la stampa in Cina

Hanno esposto 600 aziende (l’80% di quelle che hanno partecipato all’edizione 2019), quasi la metà provenienti da fuori della Spagna e in uno spazio ancora più grande di quello di allora. Nei quattro giorni di svolgimento della fiera si sono viste soprattutto start up che sviluppano ‘software’, e con soluzioni per il settore sanitario, della mobilità o delle smart city e dell’istruzione. Il congresso ha anche messo in evidenza la propensione all’investimento e la fame di finanziamento delle stesse start-up, che le aziende ‘unicorno’ -società tecnologiche valutate oltre un miliardo di dollari- sono su tutti i radar e che le sfide di esse sono più sociale che tecnologico.

“Si parlerà molto di umanesimo tecnologico: qual è lo scopo della tecnologia e il suo impatto sulla società”, anticipato giorni prima di iniziare, in un colloquio con El Periódico, direttore generale di 4YFN, Pedro Duran. “Chiudiamo un Mobile molto intenso, al culmine delle grandi edizioni, con due protagonisti indiscussi: la connettività 5G e, soprattutto, la visione umanistica della tecnologia”, ha concordato il CEO della Mobile World Capital Foundation, Carlos Graunel tuo saldo di chiusura.

Articolo precedenteGli ospedali della Catalogna recuperano tutta l’attività dell’era pre-covid
Articolo successivoQuanto tempo ci vuole per la comparsa dei sintomi covid?