Home Economia Il governo si impegna ad abbassare il prezzo di benzina, elettricità e...

Il governo si impegna ad abbassare il prezzo di benzina, elettricità e gas il 29 marzo

47
0

Il Ministro della Presidenza, Rapporti con il Parlamento e Memoria Democratica, Felice Bolanosha annunciato che il governo abbasserà il prezzo di luce, gas e benzina “immediatamente”sebbene non abbia fornito dettagli sulle modalità di adozione di tale misura.

Puoi consultare qui la trasmissione speciale in diretta di ‘Bolsamanía’ sulla guerra.

“Sappiamo quanto costa fare il pieno, pagare l’elettricità o riscaldare le case con i prezzi del gas. Per questo il governo abbasserà i prezzi di benzina, luce e gas. mano nella mano con i nostri partner europei e mano nella mano con il resto delle forze politiche nel nostro paese“, ha affermato il ministro davanti ai media al Congresso dei Deputati.

Si tratta di una formula “semplice e immediata” per famiglie, imprese e lavoratori autonomi, anche se non ha specificato le modalità con cui verrà attuato questo calo. Alla domanda se i benefici delle grandi aziende verranno ritirati per affrontare il problema, Bolaños si è limitato a dire che sarà un piano “ambizioso e ampio”.

L’Esecutivo prevede di approvare il piano nazionale per rispondere alla crisi derivante dalla guerra in Ucraina nel Consiglio dei ministri del 29 marzodopo il Consiglio europeo del 24 e 25 di questo mese, che affronterà la possibile riforma del sistema energetico per ridurre l’impatto della dipendenza dal gas russo.

Vedi anche:  Colonial acquista la sede di Amundi a Parigi per 484 milioni di euro

Il presidente del governo, Pedro Sanchezgià confermato in un’intervista concessa a ‘laSexta’ farà un tour europeo in cui raccogliere consensi per questo compito. “Quello che non ha senso è che in un Paese come la Spagna, dove un’alta percentuale di energia nel 2021 proveniva da fonti rinnovabili e il 15% dal gas, il prezzo del gas segna il prezzo dell’elettricità”, ha affermato.

Proprio Sánchez ha ricordato che il suo Dirigente ha prorogato fino al 30 giugno “importanti riduzioni fiscali: la riduzione dell’Iva sull’energia elettrica, la sospensione dell’Iva sulla produzione di energia elettrica, la riduzione allo 0,5% dell’imposta sulla produzione di energia elettrica, abbassati dell’80% i pedaggi per 600 consumatori elettrointensivi, protezione estesa ai consumatori vulnerabili…”. Il presidente ha affermato che estendere queste misure fino alla fine dell’anno significherebbe circa 10.000 milioni-12.000 milioni di euro.

“Possiamo abbassare le tasse, aumentare gli aiuti, ma se non agiamo sull’origine del problema, che è che abbiamo un mercato energetico disfunzionalese non risolviamo questa connessione, gli Stati membri hanno poco margine per poter attutire, proteggere e fare una distribuzione più equa delle conseguenze economiche della guerra”, ha spiegato.

Vedi anche:  Catalana Occidente guadagna 468 milioni di euro nel 2021, il 73% in più

Questo mercoledì, Bolaños, insieme ai vicepresidenti Nadia Calvino, Yolanda Diaz e Teresa Ribera, ha incontrato il Gruppo parlamentare popolare per affrontare la questione. Lo hanno fatto dopo una sessione di controllo con il governo in cui l’argomento è già giunto alle domande di Carolina España, un deputato del PP: “Sei d’accordo che questi grandi benefici servono ad alleviare la perdita di potere d’acquisto dei lavoratori oggi?” .

Diaz, capo del Lavoro e dell’Economia Sociale, ha risposto che l’Esecutivo è dalla parte del popolo e che “Difenderà le classi lavoratriciai ceti medi e al nostro Paese”. Ha spiegato che le “tre grandi” società elettriche, pur senza menzionare direttamente i loro nomi, hanno aumentato del 47% l’utile prima delle tasse, superando i 10.222 milioni di euro. Siete d’accordo che questi grandi i benefici servono ad alleviare la perdita di potere d’acquisto dei lavoratori?”, ha affermato.

Articolo precedenteInformazioni sul live streaming di Lille vs Chelsea, canale TV: come guardare la Champions League in TV, streaming online
Articolo successivoAnonymous intensifica la sua guerra informatica contro la Russia