Home Economia Il governo indiano finalizza il suo documento di consultazione sulle criptovalute

Il governo indiano finalizza il suo documento di consultazione sulle criptovalute

92
0

Gli sforzi sono stati intensificati dal governo indiano per fornire la necessaria chiarezza sulle criptovalute. L’obiettivo del documento è fornire un quadro normativo e un consenso globale sulle criptovalute, che fino ad ora non erano stati raggiunti.

Dopo mesi di consultazione con le parti interessate e organizzazioni nazionali ed estere come il FMI e la Banca mondiale, il L’India è nelle fasi finali della finalizzazione di un documento di consultazione sulle criptovalute. Secondo il segretario agli affari economici Ajay Seth, il governo è “abbastanza preparato”.

Mentre si rivolgeva ai giornalisti a un evento, Seth ha descritto il necessità di raggiungere un consenso globale sulle criptovalute e ha aggiunto che l’India esaminerà le normative messe in atto in altri paesi prima di decidere come regolamentare il settore.

Vedi anche:  Chiusura ribassista su Wall Street in una seduta segnata dalla parità euro-dollaro

“Innanzitutto il nostro il documento di consultazione è abbastanza pronto e abbiamo approfondito e consultato non solo agli stakeholder istituzionali nazionali, ma anche alla Banca Mondiale e al Fondo Monetario Internazionale. Speriamo quindi di essere presto in grado di finalizzare il nostro documento di consultazione” ha espresso il segretario all’Economia.

Sebbene sia emerso un documento di consultazione e regolamentazione “cryptos”, il governo indiano è coNoto per mantenere una posizione regressiva “blockchain, non Bitcoin”.che ha costretto molte aziende di criptovalute a trasferirsi in una giurisdizione con regolamenti più amichevoli.

Con le nuove regole, i profitti delle criptovalute sono soggetti a una tassa del 30%.. Inoltre, non è previsto alcun accantonamento per compensare perdite.

Articolo precedenteLa Cina distribuisce gratuitamente 90 milioni di yuan digitali ai suoi cittadini
Articolo successivoI motivi per cui bitcoin e asset digitali sono rimasti indietro rispetto ai mercati azionari