Home Economia Il Giappone guida le perdite in Asia mentre la Cina pubblica buoni...

Il Giappone guida le perdite in Asia mentre la Cina pubblica buoni dati macro

54
0

Cade nei mercati azionari asiatici all’inizio di luglio. Seguono questi tagli i ribassi di ieri a Wall Streetdove peggior semestre chiuso dal 1970Y prevedono ulteriori battute d’arresto nei mercati europei questo venerdì.

Durante la sessione sono stati pubblicati dati in Cina e Giappone. Nel caso della Cina, come accaduto nell’ultima giornata, questo riferimento è stato positivo, che non è servito a chiudere in verde i suoi indici.

Il PMI manifatturiero del colosso asiatico per giugno si è attestato a 51,7, al di sopra del livello 50 che separa la crescita dalla contrazione. La cifra del mese scorso era 48,1. Inoltre, ha superato quanto previsto dagli analisti, che prevedevano che sarebbe rimasto a 50,1.

I mercati della Cina continentale in calo nonostante i dati. Lo Shanghai Composite ha perso lo 0,4%, mentre la Shenzhen Component ha perso lo 0,14%.

Vedi anche:  Iberdrola cade in borsa dopo aver ricevuto una grossa multa di 435 milioni di euro in Messico

Intanto, in Giappone, il sentiment per i grandi produttori giapponesi è peggiorato nel periodo aprile-giugno, secondo il sondaggio tankan trimestrale della Bank of Japan sul sentiment delle imprese. L’indice del sentiment generale per i grandi produttori si è attestato a 9, in calo rispetto alla lettura del trimestre precedente di 14.

“I produttori si trovano ora ad affrontare una serie di venti contrari che vanno dall’aumento dei costi di input all’instabilità della fornitura”, afferma Stefan Angrick, economista senior di Moody’s Analytics.

Il Nikkei 225 giapponese è sceso dell’1,75% e il Topix dell’1,48%. La società di Fast Retailing scende del 3,45%.

In Corea del Sud, anche il Kospi ha perso l’1,4% e il Kosdaq il 2,35%.

L’S&P/ASX 200 australiano si discosta dal trend regionale e sale dello 0,12%.

Vedi anche:  Texas occidentale, pronto ad attaccare i massimi del 2021 in qualsiasi momento

Il più ampio indice MSCI dei titoli dell’Asia-Pacifico al di fuori del Giappone è sceso dello 0,91%.

Articolo precedente“C’è più rischio di recessione negli Stati Uniti che nell’economia globale”
Articolo successivoquesto è il resort dove vorrai staccare la spina quest’estate