Home Sport Il fallimento della qualificazione ai Mondiali dell’Italia significa che il tempo di...

Il fallimento della qualificazione ai Mondiali dell’Italia significa che il tempo di Roberto Mancini è probabilmente scaduto, nonostante il successo a Euro

76
0

La sconfitta dell’Italia contro la Macedonia del Nord ha segnato la tragica conclusione della campagna di qualificazione ai Mondiali e ha costretto un intero paese a un’analisi approfondita di ciò che è andato storto negli ultimi nove mesi. Come ha fatto la migliore squadra dell’estate 2021, quella che ha vinto UEFA Euro 2020, a non qualificarsi per i Mondiali del Qatar 2022 2022? È una domanda che perseguiterà gli italiani per i prossimi quattro anni. Era difficile credere che le stesse persone che hanno festeggiato in piazza lo scorso luglio vedranno la più importante competizione calcistica del mondo senza la propria squadra coinvolta. Ora è il momento di riflettere su cosa è successo e perché è successo di nuovo all’Italia.

Dopo la mancata qualificazione ai Mondiali 2018 e 2022, la prossima apparizione dell’Italia si spera sia nel 2026, dodici anni dopo l’ultima e se 12 anni di assenza dai vertici del calcio internazionale non ti fanno fermare a fare il punto , è difficile immaginare cosa lo farà. Roberto Mancini è responsabile di quanto accaduto negli ultimi quattro anni. È stato il motivo principale per cui l’Italia ha vinto gli Europei, ma anche uno dei motivi per cui l’Italia non è riuscita a vincere il suo girone ed è stata costretta ai playoff contro la Macedonia del Nord e poi perché l’ultima partita è finita così.

Mancini ha fatto molto con l’Italia

La situazione attuale è molto diversa da quella dell’Italia nel 2017, quando perse contro la Svezia perdendo il Mondiale di Russia. Quella squadra aveva giocato costantemente male. Ma Mancini iniziò un nuovo ciclo, che vide un notevole successo. Ha portato all’Italia il secondo Euro della storia, il primo trofeo dai Mondiali del 2006. Nel complesso è stato un periodo emozionante e ricco di successi e nessuno si aspettava davvero che l’Italia vincesse il trofeo la scorsa estate, si aspetta Mancini. È stata la sua tattica ad elevare quella squadra a giocare al di sopra del proprio livello di abilità ed è stato il motivo per cui gli italiani hanno ritrovato la soddisfazione nel guardare le partite dell’Italia. Ha riportato la qualità del calcio al più alto che era stato in molti anni.

Vedi anche:  Streaming live di Tottenham vs. Arsenal: pronostico della partita della Premier League, canale TV, come guardare online, ora

Inoltre ha sviluppato giovani giocatori, portando in rosa ragazzi come Nicolò Zaniolo e Giacomo Raspadori e dando loro la fiducia necessaria per far parte della squadra. Infine Mancini ha aiutato questa giovane generazione a crescere e l’Italia può guardare al futuro con un po’ di ottimismo grazie a lui. Se questa campagna di qualificazione fosse finita diversamente, è possibile che avrebbe potuto guidare questo gruppo per alcuni anni a venire, poiché ha una profonda conoscenza delle dinamiche della generazione che sta sviluppando.

Ma alcuni fallimenti sono semplicemente troppo grandi per sopravvivere

Tuttavia, è estremamente probabile che dopo la partita di martedì contro la Turchia lascerà la Nazionale. “La mancata qualificazione ai Mondiali è stata la più grande delusione della mia carriera”, ha detto dopo lo scontro di giovedì contro la Macedonia del Nord. Dopo un tale fallimento è difficile trovare la motivazione per continuare e inoltre diventa più difficile avere la fiducia dei giocatori e soprattutto dei tifosi. È ragionevole pensare che preferisca tornare anche lui a dirigere un club, e questo è il momento perfetto per lasciare l’Italia.

Vedi anche:  Notizie di trasferimento Serie A: Nani al Venezia, l'infortunio di Fikayo Tomori rafforza le esigenze di difensore centrale del Milan, altro

La domanda è: chi lo sostituirà? Le prime notizie provenienti dall’Italia suggeriscono che l’ex capitano Fabio Cannavaro potrebbe essere il suo sostituto, con l’ex allenatore dell’Italia Marcello Lippi al fianco di una sorta di direttore tecnico. È decisamente troppo presto per sapere qualcosa con certezza, ma sono i primi nomi a cui prestare attenzione. Inoltre, Carlo Ancelotti ha sempre considerato l’idea di diventare un giorno allenatore dell’Italia, ma se ora sarà il momento dipenderà dal futuro del suo Real Madrid. Un altro possibile candidato proposto è l’attuale allenatore dello Shakhtar Donetsk Roberto De Zerbi. Tutti questi nomi saranno discussi dopo l’ufficialità della decisione di Roberto Mancini che dovrebbe arrivare solo dopo lo scontro di martedì contro la Turchia.

Sta per iniziare una nuova era, e speriamo che per l’Italia sia quella che pone fine alla siccità dei Mondiali e mantiene a lungo gli Azzurit partecipanti a tutti i Mondiali.

Articolo precedenteValutazioni dei giocatori Messico vs USMNT: Zimmerman brilla nelle qualificazioni ai Mondiali mentre Pulisic e Pefok mancano i sitter
Articolo successivoLa Cina sarà il principale catalizzatore positivo per ottenere il “salvataggio” dei mercati azionari europei?