Home Economia Il clown di McDonald’s fa una faccia triste

Il clown di McDonald’s fa una faccia triste

98
0

McDonald’s teme una recessione globale, anche se i suoi ristoranti di hamburger stanno andando abbastanza bene. Soprattutto in Europa, la fiducia dei consumatori sta diminuendo rapidamente.

Guadagna quote di mercato

Nel secondo trimestre di quest’anno, la catena di fast food McDonald’s ha subito le conseguenze delle chiusure in Russia e Ucraina. L’azienda si è ritirata definitivamente dalla Russia, costando alla catena 1,2 miliardi di dollari (1,18 miliardi di euro). I ricavi netti sono diminuiti del 3%, mentre i profitti si sono quasi dimezzati.

L’inflazione ha pesato anche sui profitti dell’azienda, nonostante l’aumento dei prezzi. Tuttavia, l’utile residuo di 1,1 miliardi di dollari ha superato le aspettative. Le vendite globali dei ristoranti esistenti sono aumentate del 9,7% nell’ultimo trimestre, trainate da una forte crescita internazionale. L’Europa è cresciuta addirittura del 13%, principalmente grazie a Francia e Germania, dove McDonald’s ha preso quote di mercato da altre catene di fast food.

Vedi anche:  La batteria che ti permetterà di immagazzinare energia pulita e smettere di usare il gas

L’inflazione raggiunge livelli record

Tuttavia, in molti paesi europei, tra cui Germania, Spagna e Francia, la fiducia dei consumatori sta scendendo, a volte ai minimi storici, ha detto la società di hamburger alla CNBC. McDonald’s prevede anche un’inflazione dal 12 al 14 percento su cibo e imballaggi negli Stati Uniti per l’intero anno, e ancora di più in Europa. Solo nel quarto trimestre la catena si aspetta miglioramenti. Di conseguenza, alcuni consumatori statunitensi si stanno già rivolgendo a alternative più economiche.

Il CEO Chris Kempczinski non sembra molto ottimista riguardo al futuro: “Ora dobbiamo affrontare la guerra in Europa, l’inflazione è ai livelli più alti degli ultimi 40 anni, i tassi di interesse stanno salendo a livelli che non vedevamo da anni. Tutto ciò contribuisce al debole sentimento dei consumatori in tutto il mondo e alla possibilità di una recessione globale”.

Vedi anche:  BHP chiude il suo miglior anno fiscale in 11 anni con un utile di 21.639 milioni
Articolo precedenteL’estate delle compagnie aeree è in pericolo per l’alto costo del carburante e del personale?
Articolo successivoL’utile di Google è sceso del 14% nel secondo trimestre