Home Economia Il bitcoin consolida i 20.000, ma gli istituzionali restano ribassisti nelle ‘cryptos’

Il bitcoin consolida i 20.000, ma gli istituzionali restano ribassisti nelle ‘cryptos’

89
0

Il mercato delle criptovalute è in una nuova giornata in cui cercherà di consolidare i recenti movimenti dei principali token, con i suoi capitalizzazione totale vicina ai 920.000 milioni di dollari, secondo i dati di CoinMarketCap. Bitcoin si aggrappa a $ 20.000 mentre Ethereum avanza sopra $ 1.150, ma gli esperti avvertono che le risorse crittografiche non sono ancora lontanamente fuori pericolo poiché si prevedono più vendite e una pressione più ribassista.

Il sentiment negativo rimane tra i partecipanti al mercato. E un buon esempio di questo è quello CoinShares ha registrato afflussi di $ 51 milioni nel prodotto appena lanciato ProShares Short Bitcoin Strategy ETF (BITI). Questo veicolo di investimento scommette contro il prezzo del bitcoin, il che dimostra che le istituzioni sono ribassiste sull’asset. “Tuttavia, gli afflussi potrebbero essere attribuiti al fatto che il fondo è stato uno dei primi a consentire ai trader istituzionali di ottenere un’esposizione corta, piuttosto che un aumento del sentimento negativo”, afferma Marcus Sotiriou, analista di GlobalBlock.

Vedi anche:  Sopra i 600 euro ASML confermerebbe 'testa e spalle' invertiti

Questa ondata di afflussi di fondi brevi in ​​bitcoin arriva settimane dopo gli investitori gli investitori istituzionali ritireranno oltre 423 milioni di dollari da altri veicoli incentrato sulle criptovalute. “Questo è il risultato dell’attuale incertezza con l’ambiente macro, poiché i rischi di una recessione peggiorano”, afferma Sotiriou.

D’altro canto, Gli investitori istituzionali statunitensi stanno ancora aspettando un fondo spot bitcoin. Tuttavia, nonostante molte istituzioni mostrino un interesse esplicito per un ETF della regina delle criptovalute, cosa che, inoltre, consentirebbe di misurare chiaramente il mood di quelli istituzionali sulle ‘crypto’, la Securities and Exchange Commission di The La US SEC ha respinto la recente richiesta di Grayscale di convertire il Grayscale Bitcoin Trust in un bitcoin spot exchange-traded fund. La SEC ha osservato che Grayscale Investments non aveva risposto alle preoccupazioni sulla manipolazione del mercato e ha concluso che la proposta mancava di un metodo adeguato per proteggere gli investitori.

Grayscale Investments, il più grande asset manager in valuta digitale del mondo, ha presentato una domanda a Causa contro la Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti (SEC) impugnando la sua decisione.

Vedi anche:  S&P ritiene che l'aumento dei tassi potrebbe aumentare i profitti bancari del 18%

Il CEO di Grayscale Sonnenshein ha dichiarato: “Riteniamo che gli investitori statunitensi abbiano espresso in modo schiacciante il desiderio di vedere GBTC convertito in un ETF spot bitcoin, che sbloccherebbe miliardi di dollari di capitale degli investitoriportando anche il più grande fondo bitcoin del mondo nel perimetro normativo degli Stati Uniti.” “Grayscale afferma che il 99% delle lettere inviate alla SEC supportano l’ETF Bitcoin Spot.

Sono d’accordo con Sonnenshein e penso che il ritardo degli Stati Uniti potrebbe giocare contro di esso poiché altri paesi offrono questi prodotti spot bitcoin, con i Paesi Bassi che ne lanceranno uno il mese prossimo. Nel cercare di proteggere gli investitori, la SEC potrebbe invece danneggiarlidal momento che alcuni optano per l’ETF futures, che è accompagnato da intermediari con commissioni aggiuntive”, afferma Sotiriou.

Articolo precedenteOptimistic Metro vede una crescita superiore alle attese
Articolo successivoCaratteristiche della straordinaria telecamera di sorveglianza SwitchBot