Home Salute I trattamenti per la tossicodipendenza sono aumentati del 18% in Catalogna lo...

I trattamenti per la tossicodipendenza sono aumentati del 18% in Catalogna lo scorso anno

96
0

Gli inizi di trattamento per la tossicodipendenza in Catalogna, con il alcol come la sostanza più frequente, aumentata a 13.423 casi nel 2021, un 18% di più su un 2020 insolito a causa dell’impatto del covid19, ma l’aumento è ancora al di sotto dei record pre-pandemia.

Il Segretario alla Sanità Pubblica della Generalitat, teste di carmen, e il Vice Direttore Generale delle Tossicodipendenze del Dipartimento della Salute, Giovanna Colombo, I dati del Rapporto 2021 del Sistema informativo sulle unità in Catalogna (SIDC), che include dati sull’inizio del trattamento per superare le dipendenze da sostanze.

Nel 2021, un totale di 13.423 persone hanno iniziato il trattamento nella rete di assistenza alle tossicodipendenze (che conta 63 centri di cura e follow-up, tra gli altri servizi), che rappresenta un Aumento del 18%. rispetto alle 11.353 del 2020, anno insolito in cui l’attenzione è calata sia per il riduzione dei consumi, a causa del confinamento, nonché per l’impatto del covid-19 sui servizi sanitari.

Così, nel 2021 hanno iniziato a recuperare il livelli di assistenza pre-pandemia, ma senza ancora raggiungere i record del 2019 (14.528), ha evidenziato Colom.

La domanda è se i consumi sono diminuiti nel 2020 a causa del socializzazione ridotta derivati ​​dalla reclusione da covid-19 stanno per ritorno ai livelli pre-pandemia oppure rimarranno inferiori, cosa per la quale non ci sono ancora dati sufficienti per giungere a una conclusione, però la tendenza indica un calo generale del consumo di droghe negli ultimi anni, ha sottolineato Colom.

Vedi anche:  Fundación Mutua sosterrà l'avvio di 21 nuovi progetti di ricerca medica in Spagna con due milioni

droghe

Il alcol rappresenta il 44% di tutti i trattamenti iniziati nel 2021, seguito dal cocaina (24%), il cannabis (14%) e il eroina (9%) -in netto calo dagli anni ’90-, mentre il tabacco, Con il 3%, è una minoranza in questa specifica rete di assistenza alle tossicodipendenze, ma non perché ci siano pochi fumatori, ma perché la stragrande maggioranza chiede aiuto nei centri di assistenza primaria.

Senza trascurare di prestare attenzione alle altre sostanze, Colom lo ha ammesso l’alcol è l'”obiettivo principale” di preoccupazione, essendo più frequente negli uomini, poiché il 74% dei frequentati sono uomini, per lo più di età superiore ai 40 anni ma che hanno iniziato quando erano giovani, circa 19 anni.

anche interessato Alcoolismo minorile, poiché uno su cinque ammette di essersi ubriacato nell’ultimo mese, anche se c’è un progressiva riduzione dei consumi in questa fascia di età negli ultimi anni, secondo Colom.

Per sesso

A differenza di quanto accade negli adulti, il ragazze consumano più dei ragazzi in tenera età, tra i 14 ei 16 anni, ed è da quell’età in poi che l’incidenza tra i sessi inizia a invertirsi.

Per quanto riguarda la emergenza ospedaliera, quelli motivati ​​da droghe rappresentano lo 0,7% del totale e più della metà sono dovuti all’alcol (54%), seguiti da ipnosedativi (14%) e cocaina (11%).

Vedi anche:  Malattia di Chagas: sintomi e in cosa consiste

Cabezas ha sottolineato il ruolo eccezionale del determinanti sociali, perché “la prevalenza della tossicodipendenza è tre volte più alta nei redditi bassi che in quelli alti, ed è importante lavorare su questo non per stigmatizzazione ma viceversa, per capire che queste persone con meno reddito hanno bisogno di più aiuto”, ha affermato. stressato.

Tra il 30% e il 50% di coloro che iniziano il trattamento hanno bassi livelli di istruzione, mentre quelli serviti hanno una disoccupazione cinque volte maggiore rispetto alla popolazione generale (tranne nel caso del tabacco), con l’eroina che è la droga con il maggior pregiudizio socioeconomico.

Nel corso del 2021 le 11 unità ospedaliere di disintossicazione ha assistito a 966 ricoveri, con una permanenza media di 12 giorni e sempre con l’alcol come causa principale.

Un totale di 2.489 utenti sono transitati attraverso 14 sale per il consumo controllato di farmaci (soprattutto iniettabili), senza che vi fosse alcun nessun decesso, anche se ci sono state 176 overdose.

Il Linea verde, il servizio telefonico di assistenza per la tossicodipendenza, ha risposto a 2.068 chiamate nel 2021, mentre si sono svolte 305 interviste personali e ci sono state 356 consulenze online.

Articolo precedenteIl CEO del Manchester United Richard Arnold incontra i fan scontenti al pub, definisce la stagione un “incubo”
Articolo successivoDolore ai talloni: il trucco più strano per non soffrire con questa scarpa