Home Salute I partiti e le comunità sono impazienti per la rimozione delle mascherine

I partiti e le comunità sono impazienti per la rimozione delle mascherine

189
0

Dopo due anni di pandemiail ritiro del maschere negli interni ora si concentra il dibattito politico prima del impazienza di partiti e governi regionali di porre fine all’obbligo generale in spazi chiusi, al punto che il Congresso è stato posizionato pro e contro questa settimana.

Il ministero della Salute e le comunità celebreranno il prossimo Consiglio Interterritoriale del Sistema Sanitario Nazionale (CISNS) il 6 aprile alle Toledodove si prevede che questo problema venga affrontato, come anticipato questa settimana dal presidente di Castilla-La Mancha, Emiliano Garcia-Pageospite dell’incontro.

Quando lo dicono i professionisti della salute

Questo mercoledì, il presidente del governo, Pedro Sánchez, ha affermato nella sessione di controllo del Congresso, in risposta a una domanda dei cittadini, che il ministero della Salute prenderà la decisione “il prossimo secondo” che il esperti della salute lo consiglio.

Sulla stessa linea, il Ministro della Salute, Caroline Darias, Non ha svelato quando verrà presa la decisione, limitandosi a difendere questo venerdì: “ne resta meno”.

Nel frattempo, il Congresso questa settimana ha approvato e respinto due proposte su questo argomento. Questo giovedì la sessione plenaria del Congresso ha approvato una mozione a cittadini che chiede al Governo di eliminare l’uso della mascherina al chiuso, quando due giorni prima del Commissione Sanitaria aveva respinto una proposta non di legge vox che chiedeva di eliminare l’uso delle mascherine all’aperto e al chiuso, fatta eccezione per gli spazi sanitari e socio-assistenziali.

Vedi anche:  Al via la sperimentazione clinica per un trattamento innovativo della sindrome dell'ovaio policistico

La posizione di Vox e Cs

Vox e Ciudadanos si battono per la rimozione delle maschere guidando due iniziative parlamentari che questa settimana hanno avuto fortune diverse e in cui la PP è stata posizionata contro. Il PSOE aveva sostenuto l’iniziativa di Cittadini in sintonia con Vox ma aveva precedentemente votato contro quella promossa dalla formazione di Santiago Abascal.

Il vice di Vox Juan Luis Steegmann Ha difeso la necessità di eliminare l’uso obbligatorio delle mascherine in tutte le aree tranne che nei centri sanitari e ha sottolineato che “quello di cui gli spagnoli hanno bisogno sono raccomandazioni” in modo che “prendano liberamente le proprie decisioni”.

Misura per promuovere il turismo

La Catalogna, a favore e l’Andalusia, con maggiore veemenza

Il dibattito si è accelerato anche nelle comunità autonome, come in Catalogna, dove il ‘consulente’ della Salute della GeneralitatJosep Maria Argimonha assicurato giovedì che farà nuovamente pressione sul Ministero della Salute per rimuovere le mascherine all’interno delle aule scolastiche e non ha escluso l’applicazione di questa misura in Catalogna senza il consenso del governo centrale.

Con meno veemenza, il ministro della Salute andalusoGesù Aguirreera favorevole alla rimozione delle mascherine nelle aule scolastiche dopo Pasqua, dato che l’incidenza accumulata nell’età della fascia d’età scolare è bassa.

Articolo precedenteManchester City e Liverpool preparano la scena per la lotta per il titolo all’Etihad poiché entrambi ottengono vittorie in Premier League
Articolo successivoIl metaverso avrà un mercato target del 10% del PIL globale nel 2030, secondo Citi