Home Economia I nuovi proprietari di Belgian Metro e Makro si concedono del tempo...

I nuovi proprietari di Belgian Metro e Makro si concedono del tempo per studiare

74
0

Il belga la metropolitana e Macro i negozi continueranno con i loro marchi attuali per almeno un altro anno. Una ristrutturazione importante non ha effetto immediato: i nuovi proprietari si stanno prendendo il loro tempo per elaborare una strategia.

Gli investitori vedono il potenziale

Questa mattina i sindacati hanno avuto un primo incontro con Bronze Properties, l’acquirente di Metro e Makro in Belgio. Tuttavia, nessuna notizia concreta è stata data. L’investitore afferma di vedere del potenziale nei negozi belgi, ma non è chiaro come il nuovo proprietario intenda eliminare le enormi perdite.

Adattare e ridimensionare i negozi è un’opzione. Gli acquirenti ritengono inoltre che saranno in grado di reagire più rapidamente se avranno linee decisionali più brevi. I negozi continueranno ad operare con i marchi esistenti per almeno un anno, con le private label di Metro e Makro e con il supporto dell’ex casa madre. Questa licenza può essere estesa.

Vedi anche:  La disoccupazione settimanale negli Stati Uniti aumenta leggermente per la seconda settimana consecutiva

Qualche mese di tregua

Manca quindi ancora un po’ di tempo alla temuta ristrutturazione: “Mentre prima pensavamo che ci sarebbe stata una ristrutturazione in tempi brevi, ora penso che i nuovi proprietari impiegheranno qualche mese per elaborare una strategia”, Wilson Wellens della società ACLVB Il sindacato ha detto al quotidiano economico De Tijd.

I sindacati temono grandi perdite di posti di lavoro, perché Bronze Properties collabora con GA Europe, azienda nota per le sue dure ristrutturazioni: è stata coinvolta, tra gli altri, nella vendita dei negozi belgi Blokker e nella ristrutturazione di McTrek.

Articolo precedenteIl CNMV definisce “preoccupante” l’acquisizione di Indra da parte del governo
Articolo successivoIl CNMV pubblica il Codice di buone pratiche per gli investitori istituzionali