Home Moda e bellezza I nuovi impegni di sostenibilità nel ‘verde’

I nuovi impegni di sostenibilità nel ‘verde’

53
0

Il mondo del golf professionistico è in piena rivoluzione. Lo sport è diventato uno dei maggiori emittenti di titoli che esistono nella nostra società e a poco a poco si è affermata come una delle principali referenti della coscienza ambientale. Per questo il 14 settembre l’Espacio Bertelsmann di Madrid ha ospitato l’evento ‘Decarbonizzare lo sport: il caso del golf’un evento organizzato da Prensa Ibérica insieme ad Acciona, azienda di riferimento nella gestione delle infrastrutture e delle energie rinnovabili in Spagna, volto ad approfondire gli obiettivi, le sfide e le misure stabilite per raggiungere ridurre l’impronta ecologica del torneo di golf Acciona Open Spain che si svolgerà a Madrid dal 6 al 9 ottobre.

Lo sport professionistico è diventato uno dei principali punti di riferimento per la consapevolezza ambientale

L’evento – svoltosi in contemporanea con un pubblico faccia a faccia e in streaming – è stato diretto da Nekane Chamorro, coordinatore della Redacción Central de Prensa Ibérica e ha visto le testimonianze di Joaquín Mollinedo, direttore generale di IR, Comunicazione e Brand di Acciona; Sofía Miranda, assessore delegato allo sport del Comune di Madrid; e Javier Burgos, direttore commerciale di Acciona Open de España. Un panel di esperti coinvolti nello sviluppo di questo torneo che ha permesso di affrontare la realtà della sostenibilità nello sport professionistico da tutte le prospettive.

una nuova mentalità

Seguendo il motto di quest’anno “Emissioni sotto la pari”, questa seconda edizione del forum “Decarbonise sport” è iniziata con la condivisione del messaggio principale dell’evento: raggiungere che, oltre a ridurre il proprio impatto ambientale, lo sport professionistico riesca a migliorare le condizioni delle città. Una realtà per la quale l’Acciona Open de España si presenta come un vero punto di riferimento mondiale. “La cosa più singolare del progetto è che mette il messaggio di sostenibilità sullo stesso piano dell’evento stesso. Vale a dire, nell’identità del torneo c’è il messaggio sostenibile”, ha introdotto Joaquín Mollinedo.

Un ambizioso cambio di mentalità che promette di intaccare il paradigma sportivo internazionale. Ed è che per Javier Burgos “questo evento non può essere semplicemente neutrale, ma deve essere chiaramente positivo. Questo è deve avere l’effetto di rigenerare l’ambiente in tutti gli aspetti: ambientale, sociale e altri”. Un obiettivo che condivide con Sofía Miranda e che si estende a tutti i possibili livelli di azione: “l’obiettivo non è solo quello di fare in modo che un evento di questa portata si svolga nella città di Madrid, ma anche di condividiamo l’obiettivo che questo evento abbia un impatto positivonon solo nella sostenibilità e nell’ambiente, ma nel patrimonio stesso della città”, propone l’assessore.

un cambiamento reale

Dopo i successi della prima edizione sostenibile dell’Acciona Open de España de golf tenutasi lo scorso anno, gli obiettivi per continuare a migliorare questo 2022 sono stati molto maggiori. Come ha spiegato Burgos, lo scopo è continuare a trasformare l’intero torneo a poco a poco e per questo, vengono presi tutti i tipi di misure per continuare a ridurre la sua impronta di carbonio. Hanno rafforzato il loro impegno per i trasporti pubblici e, insieme alla collaborazione del Comune di Madrid, hanno organizzato una serie di navette ogni 15 minuti per evitare l’uso di auto private. Nello stesso ambito promuoveranno il ‘car sharing’ e l’utilizzo di auto a basso impatto ambientale con sconti sui prezzi dei parcheggi e sostituiranno il parco auto dei giocatori con modelli elettrici. Hanno anche in programma di eliminare completamente l’uso della plastica nelle loro strutture, continuare a regolamentare l’uso dell’acqua nei campi in modo sostenibile e realizzare tutti i tipi di campagne di sensibilizzazione per poter trasmettere questi valori a una parte più ampia della società.

Secondo Miranda, al di là dell’ambiente, anche questo torneo lo è ha a cuore il benessere e la sostenibilità sociale. Per questo motivo, l’Acciona Open de España sostiene il consumo locale, le assunzioni locali e altre misure progettate per migliorare il tessuto socioeconomico della città di Madrid. Parimenti, l’assessore ha approfittato dell’occasione per evidenziare l’importante lavoro che viene svolto dal Club de Campo attraverso il laboratori didattici per bambini sulla biodiversità. “Un’opportunità di apprendimento unica”, ha detto.

Ed è che, come ha affermato Mollinedo, l’impegno dell’Acciona Open de España “non è solo quello di ridurre l’impatto, ma aiutare oltre”. Per questo motivo, questo torneo offre un premio aggiuntivo, unico in Spagna, grazie al quale l’organizzazione della competizione aiuterà il vincitore a compensare le proprie emissioni di 10 anni attraverso campagne e attività sostenibili come la riforestazione.

L’evento si è concluso ricordando al pubblico che riuscendo a cambiare il paradigma di la sostenibilità è un impegno comunitario che va affrontata insieme, tra cittadini, enti privati ​​e pubbliche amministrazioni. Questa unione è l’unica che consente a progetti come l’Acciona Open de España di continuare ad essere un punto di riferimento ambientale a livello globale. Una visione ottimistica del futuro con cui Mollinedo ha chiuso il forum: “nell’edizione dello scorso anno abbiamo già raggiunto un appuntamento di riferimento nel mondo dello sport e della sostenibilità, e penso che grazie a tutti quest’anno sarà ancora meglio”.

Articolo precedente“Il mio errore è stato non chiedere aiuto e non smettere di fumare canne”
Articolo successivoL’iPhone 14 attiva il 21% di ricerche di prodotti di seconda mano