Home Economia I gorilla lanceranno i propri marchi di private label

I gorilla lanceranno i propri marchi di private label

116
0

Azienda tedesca di commercio rapido Gorilla sta lanciando quattro private label per aumentare i suoi margini di profitto. Una cinquantina di prodotti in undici categorie popolari saranno disponibili nell’app da dopodomani, ma solo per i clienti in quattro mercati.

Differenziazione

I marchi “Gorillas Daily”, “Gorillas Premium”, “Hot Damn Coffee” e “” sarà disponibile per i clienti britannici, olandesi, francesi e tedeschi dal 9 giugno, ha affermato la società di consegna flash con sede a Berlino in un comunicato stampa. Altri prodotti verranno aggiunti nei prossimi mesi, ma solo nei quattro mercati chiave europei dove rimarrà il servizio di consegna.

Creando non uno, ma quattro marchi di private label, Gorillas vuole impostare accenti diversi fin dall’inizio. La gamma ‘Daily’ promette prezzi accessibili per i prodotti essenziali, mentre ‘Premium’ (ovviamente) punta a “prodotti di particolare qualità come la pasta fresca”. Ci sarà anche un marchio separato per il caffè (e prodotti correlati come pastiglie e latte d’avena) e per la birra.

Vedi anche:  Il FMI avverte di effetti devastanti per mezza Europa se la Russia bloccherà il gas

Redditizio e sostenibile

Il fondatore Kağan Sümer vede lo sviluppo delle private label come un logico passo successivo: “Sin dal primo giorno, abbiamo voluto sviluppare i nostri prodotti con sapori unici e imballaggi creativi per adattarsi perfettamente alle esigenze e ai gusti dei nostri clienti. Le nostre nuove private label sono anche una componente chiave della nostra strategia di redditività e ci consentiranno di sviluppare nuovi flussi di entrate nei nostri mercati principali”.

Gorillas afferma di essere fiducioso nei suoi nuovi prodotti, che si basano su una “comprensione profonda e basata sui dati delle preferenze dei clienti”. Con questi nuovi marchi, anche l’azienda di consegna flash vuole fare passi verso la sostenibilità: ad esempio, i suoi succhi di frutta e le sue birre sono prodotti con il 100% di energia rinnovabile. Il packaging, invece, è composto da quanto più materiale possibile riciclato, mentre le cialde di caffè possono essere completamente compostate.

Vedi anche:  L'offerta pubblica di acquisto parziale di FCC su Metrovacesa raggiunge meno del 50% di accettazione
Articolo precedenteIkea aumenta i prezzi del 9%.
Articolo successivoIl discount russo Mere apre in Belgio