Home Technologia I crimini crittografici hanno raggiunto il massimo storico nel 2021

I crimini crittografici hanno raggiunto il massimo storico nel 2021

113
0
  • Furti e truffe hanno spostato 14.000 milioni di dollari, trend in crescita ma ben al di sotto dell’adozione diffusa delle valute virtuali

Il 2021 passerà ai libri di storia come l’anno in cui l’adozione diffusa di criptovalute. Tuttavia, la crescente popolarità di queste valute virtuali ha anche significato sempre di più criminali usali per impegnarti crimini. Così, questo tipo di furto e frode lo scorso anno ha spostato un totale di 14.000 milioni di dollari in transazioni illecite, un massimo storico che svela un report della piattaforma Chainanalysis.

I principali crimini commessi lo scorso anno con le criptovalute sono stati fregature, Stola di fondi e finanziamenti di gruppo terroristi. I 14.000 milioni di dollari registrati rappresentano un aumento del 79% rispetto al 2020, quando il volume era di 7.800 milioni. Il precedente massimo storico si è verificato nel 2019, quando questi reati sono riusciti ad estorcere fino a 11.700 milioni.

Vedi anche:  Multa milionaria a Vodafone, Telefónica, MásMóvil e Orange per mancanza di privacy con le SIM

Le entrate prodotte attraverso le truffe sono aumentate dell’82% a 7,8 miliardi di dollari. In molti casi si tratta di progetti che sembrano legittimi e finiscono per rubare agli investitori. Una delle più note è stata la criptovaluta lanciata da sconosciuti approfittando del successo mondiale della serie coreana ‘il gioco del calamaro‘, che è riuscita ad attirare quasi tre milioni di dollari di investimenti da persone di tutto il mondo e poi scomparire con quei soldi sotto il braccio.

Il furto di criptovalute, invece, è salito del 516% rispetto al 2020 e ha spostato circa 3.200 milioni di dollari.

“Abuso criminale di criptovalute crea enormi impedimenti alla sua continua adozione, aumenta la probabilità che i governi impongano restrizioni e, quel che è peggio, uccida persone innocenti in tutto il mondo”, recita l’anticipo di questo rapporto globale, che sarà pubblicato integralmente a febbraio.

popolarità alle stelle

Tuttavia, lo studio Chainanalysis sottolinea che l’aumento dei crimini legati alle criptovalute è stato molto più contenuto rispetto al crescente utilizzo di queste risorse virtuali. Tutte le transazioni registrate da questa piattaforma hanno spostato 15,8 miliardi di dollari, che rappresenta un aumento del 567% rispetto al 2020.

Vedi anche:  Il CEO di Twitter ammette l'incertezza dopo l'acquisto di Musk

Notizie correlate

Questo massiccio consolidamento dell’uso legale delle criptovalute è ciò che significa che, guardando al quadro generale, la quota di attività illegali rappresenta solo lo 0,15% del totale, la più bassa registrata fino ad oggi. Negli ultimi quattro anni, questo tasso è stato rispettivamente dell’1,42%, 0,76%, 3,37% e 0,62%.

Chainanalysis, società specializzata nella consulenza blockchain e il mondo delle criptovalute, specifica che il numero di crimini e truffe “probabilmente aumenterà” man mano che verranno rilevati più account illeciti. Pertanto, il suo rapporto non offre una visione esatta, ma offre un’approssimazione a un crimine che “sta diventando una parte sempre più piccola dell’ecosistema delle criptovalute”.

Articolo precedenteSamsung mette in vendita il Galaxy S21 FE 5G nel nostro mercato
Articolo successivoLa carenza di chip costringe Canon a spiegare come “hackerare” le sue stampanti