Home Economia I consigli di borsa di Bankinter per i prossimi mesi: “La protezione...

I consigli di borsa di Bankinter per i prossimi mesi: “La protezione è meglio dell’ambizione”

57
0

“Più inflazione e meno crescita. Regna la geostrategia. Il risultato non è immediato. Protezione meglio dell’ambizione, per un po’“. Questa la frase che riassume le conclusioni dello Strategy Report di Bankinter per il secondo trimestre dell’anno. La banca continua a stupirsi per il “sportività” con cui le borse si adattano alle difficoltà pur rilevando che il geostrategia e tassi di interesse sono fattori chiave.

“La maggior parte delle referenze che avevamo, più o meno affidabili, non sono più utili. Pertanto, dobbiamo focus su Ucraina e Russia e sui tassi di interesseconsiderando tutto il resto come una conseguenza o anche come qualcosa di accessorio per loro”, avvertono dall’ufficio analisi della banca.

Gli indici “offrono un potenziale di rialzo modesto o addirittura nullo”

L’eredità dell’invasione dell’Ucraina consisterà, concettualmente (non tanto quantitativamente), in metà della crescita, nel doppio dell’inflazione e in discutibili profitti aziendali, commentano dall’ente. Questo, insieme a tassi di interesse più elevati, potrebbero non portare a valutazioni più generose, ma inferiorianticipano.

“I mercati azionari non hanno ancora scontato nulla di tutto ciò, ma le valutazioni delle società e degli indici verranno aggiornate per tutto aprile e maggio e, allora la tua reazione potrebbe essere diversa, meno accomodante“, avvertono. “La fine dei programmi di acquisto di asset della Fed (marzo) e della BCE (giugno) non sarà neutrale per i mercati azionari. Il binomio rischio/rendimento atteso si è notevolmente deteriorato, quindi una corretta gestione del rischio rimane una priorità. La protezione deve venire prima dell’ambizione, almeno per qualche tempo”.

Vedi anche:  Siemens Gamesa vende uno sviluppatore di asset rinnovabili per 580 milioni di euro

Bankinter sottolinea che le banche centrali saranno costrette a porre il loro dovere di controllare i prezzi prima di promuovere la crescita e l’occupazione, in particolare la Federal Reserve, e ritiene che continuerà con i suoi aumenti dei tassi “con più determinazione del previsto”. Ciò eserciterà una pressione inevitabile sulla Banca centrale europea (BCE), che quest’anno finirà per accettare di aumentarla leggermente, prevede.

LA CURVA DEL RENDIMENTO AMERICANO A 2-10 ANNI

Gli analisti della banca sottolineano che lo è chiave per monitorare la probabile inversione della curva dei rendimenti USA a 2-10 anni. “Quello spread o spread potrebbe diventare immediatamente negativo. Storicamente, i significativi ritiri di Wall Street sono avvenuti proprio subito dopo che ciò è accaduto“, loro ricordano.

“Tassi in aumento e spread negativo a 2-10 anni agiscono sui mercati azionari Come la forza di gravità sui corpilimitando ogni serio progresso”, insistono, e specificano che è così perché di solito funziona come una sorta di allarme che avverte di un probabile recessione o, per lo meno, una grave perdita di slancio del ciclo economico e profitti aziendali.

Vedi anche:  I risultati e il CPI della zona euro definiranno l'agenda per la prossima settimana

RIVALUTAZIONI DEI MERCATI AZIONARI QUASI NULLA

Bankinter conclude osservando che le sue valutazioni di borsa aggiornate secondo i nuovi parametri “offrire un potenziale di rialzo modesto o addirittura pari a zero”.

“Ecco perché, mentre arriva nuovamente l’opportunità di aumentare l’esposizione ai titoli, continuiamo a anteporre la protezione all’ambizione e concentriamo le nostre raccomandazioni su Commodities, in particolare Petrolio, Cybersecurity, Infrastrutture, Difesa e, forse entro la fine dell’anno, selettivamente, Banche“, consiglia.

Articolo precedenteBilbao avrà il suo primo “supermercato fantasma” dopo l’estate
Articolo successivoLa shigellosi, un’infezione a trasmissione sessuale, aumenta in Spagna