Home Moda e bellezza I 5 migliori percorsi per viaggiare in auto in Spagna quest’estate

I 5 migliori percorsi per viaggiare in auto in Spagna quest’estate

156
0

Il miglioramento della situazione sanitaria e la fine delle restrizioni sul coronavirus hanno causato a importante ripresa del turismo in Spagna nel corso degli ultimi mesi.

Secondo le stime disponibili, molti dei visitatori sceglieranno questa estate per prendere l’aereo, l’opzione più veloce per i lunghi viaggi. Nonostante questo, c’è ancora gran parte della popolazione che, per necessità o per piacere, decide anno dopo anno di farlo viaggiare in macchina.

Ecco perché proponiamo 10 percorsi ideali viaggiare su ruote alcune delle zone più belle della penisola iberica.

visitare il Costa Brava È sempre una buona opzione e le strade catalane consentono di viaggiare in auto passando per i suoi luoghi più rappresentativi.

Uno dei percorsi più frequentati, circa 300 chilometri collegare del tutto Barcellona con le città di Rose, Cadaqués, Platja d’Aro, Tossa de Mar e Sant Feliu de Guíxols.

Inoltre, per chi ama guidare, la Autostrada GI-682 Dà l’opportunità di godersi i paesaggi da diversi punti di vista durante il viaggio.

Se, invece, preferisci temperature un po’ più basse, un’alternativa molto interessante è esplorare i Pirenei in autostrada. Quello conosciuto come rotta transpirenaicauno dei più frequentati dell’Europa meridionale, collega il costa mediterranea con il Cantabrico.

È un viaggio dalle mille varianti che copre territori diversi. Uno dei possibili punti di partenza è il Cap de Creusnella provincia di Girona, per poi passare nella regione di Val d’Aran. Quindi puoi visitare il città di Huesca montagna e attraversa Navarra per finire il tour Paesi Baschi. In totale, più di mezzo migliaio di chilometri da godersi in estate.

Questo percorso è l’ideale per gli amanti della storia. Già in epoca romana, il Via d’argento Era il modo per unire due delle grandi città che all’epoca costituivano la Hispania: Astorga e Merida.

Negli anni, però, questo percorso è stato ampliato ed è diventato un percorso con a vasto patrimonio culturale e molto trafficato in macchina.

Attualmente collega il nord e il sud della penisola iberica grazie a a giro di quasi 900 chilometri. Da dalle Asturie all’Andalusia passando per Castiglia e León ed Estremadura. Quattro comunità e sette diverse province.

Vedi anche:  Le domeniche in spiaggia sono deliziate da questo ombrellone di Decathlon

Nella lunga lista di luoghi che si possono visitare lungo la Vía de la Plata ci sono città di grande interesse come Gijón, Mieres, León, Plasencia, Cáceres o Siviglia.

È una delle opzioni ideali per chi vuole scoprire la costa della Galizia in auto. La stessa Xunta de Galicia si propone di fare questo itinerario, che attraversa diversi promontori naturali e vari paesi del zona nord-ovest della comunità autonoma a partire da Buno (La Coruna).

Le soste nei diversi paesi che compongono questo percorso (Caio, Malpica, Camariñas o Corcubión, tra gli altri) consentono di assaporare la gastronomia locale e conoscere le tradizioni della regione.

Viaggio finisce in un luogo emblematico come Finisterre, la città che i romani credevano fosse la fine del mondo e che ospita uno dei fari più conosciuti del paese.

Itinerario dei borghi bianchi

Se quello che vuoi è scoprire l’Andalusia, ci sono poche opzioni belle come il percorso dei villaggi bianchi. La proposta del portale ufficiale del Turismo in Spagna copre in auto alcuni dei comuni più iconici del province di Malaga e Cadice.

Nella provincia di Malaga si possono visitare le località di Frigiliana, Casares e Ronda. Cadice, da parte sua, ha un proprio percorso con 19 localitàtutti con le loro caratteristiche case bianche, i loro vicoli scoscesi e i loro angoli suggestivi.

I comuni di Cadice sono Arcos de la Frontera, Bornos, Espera, Villamartín, Algodonales, El Gastor, Olvera, Torre Alháquime, Setenil de las Bodegas, Alcalá del Valle, Prado del Rey, El Bosque, Ubrique, Benaocaz, Villaluenga del Rosario, Grazalema , Zahara de la Sierra, Algar e Puerta Serrano.

Aragona offre una tabella di marcia con immense pianure, paesaggi desertici e il pace dei loro popoli per alternare il piacere della guida con il vita stressante dell’ambiente rurale di questa comunità autonoma.

Da cui partirebbe un possibile percorso Bacino di Estanca ad Alcañiz alla palude Calanda, luogo di nascita di Luis Buñuel e famoso anche per i suoi tamburi a Pasqua. Il percorso può concludersi presso un altro bacino artificiale, quello di Gallipuén, dove staccare dalla scarica di adrenalina dell’asfalto effettuando le varie sentieri che l’ambiente offre.

Vedi anche:  Come scrivere bov? Regole d'uso e differenza tra le due lettere

Su quattro o due ruote, vale sempre la pena goderselo Parco Nazionale Picos de Europatartufato con scenario spettacolare, da dalle Asturie alla Castiglia e León, passando per Cantabria.

Il percorso può iniziare dalla località leonese di Riaño, attraversando il dtrepidante Gola di Beyos, parallela al fiume Sella, per passare nella ripida zona di Oséja de Sajambre prima di entrare nel territorio asturiano e arrivare a Cangas de Onis, da dove è imperdonabile visitare i laghi di Covadonga.

Da qui si può godere di un itinerario di montagna che potrebbe concludersi Fonti di, in Cantabria, dove puoi prendere una funivia per concludere il viaggio con una fantastica vista sui Picos de Europa.

Il vero mix di spiaggia e deserto che offre il Parco Naturale Cabo de Gata non poteva mancare in questa selezione.

Il comune di Almeria di Carbonera potrebbe essere il punto di partenza del viaggio, per proseguire lungo la strada verso Níjar AL-5106, percorrendo la spiaggia e potendo fare una sosta per rinfrescarsi in una delle sue famose spiagge.

Si consiglia di percorrere la strada AL-3115, che attraversa il parco naturale fino a raggiungere la Faro di Cabo de Gata.

Su due o quattro ruote, quasi 2.500 chilometri per scatenare il piacere di una guida che potrebbe iniziare dalla città monumentale di Toledo, passando per Mora e l’invaso di Finisterre e il lagune di Campo de Criptana. Lungo la strada possiamo visitare enclavi belle come El Toboso e Belmonte prima di completare il percorso San Clemente, a Cuenca.

Giro della Sierra Nevada

UN paradiso ambientale nel cuore di sistema penieno. Questo è il piano per divertirti Sierra Nevada, con un percorso che partirebbe dalla città di Granada Guadiceuno dei più antichi insediamenti umani della penisola, prima di risalire l’imponente catena montuosa, passando per La Calahorra e Laroles.

Trevelez, Lanjarón e Bubion sono alcune delle meravigliose enclavi da visitare nell’Alpujarra, potendo concludere il tour con una visita alla Costa Tropica.

Articolo precedenteIl Nikkei chiude moderatamente al rialzo dopo che i dati CPI e il resto dell’Asia sono contrastanti
Articolo successivoIl mercato azionario soffrirà di più: BofA ritiene che non toccherà il minimo fino a fine anno o inizio 2023