Home Economia Guadagno a Wall Street con il focus su una possibile recessione

Guadagno a Wall Street con il focus su una possibile recessione

69
0

Guadagno acceso Wall Street dopo aver chiuso questo mercoledì con leggere perdite e lontano dai massimi intraday. Gli investitori continuano a scontare la crescente possibilità di ingresso degli Stati Uniti recessione a causa dell’inasprimento monetario del Riserva Federale (Fed) contenere l’inflazione.

In questo senso, il presidente della banca centrale, Jerome Powell, ha riconosciuto questo mercoledì che lo è “una possibilità”, anche se ha ribadito l’impegno dell’agenzia a controllare i prezzi nei prossimi mesi. “L’inflazione ci ha sorpreso al rialzo e potrebbero esserci altre sorprese“, ha affermato.

Inoltre, ha riconosciuto che le tariffe più elevate non faranno molto per ridurre i costi crescenti di cibo e benzina. “Non possiamo fare nulla per abbassare i prezzi del petrolio“, ha ammesso. Tuttavia, ha aggiunto che “i più recenti indicatori di inflazione lo hanno suggerito abbiamo dovuto accelerare il ritmo degli aumenti dei tassi. La stabilità dei prezzi è la base dell’economia e il mercato ha letto abbastanza bene la nostra reazione”.

Powell, che non era preoccupato per la correzione delle borse, è tornato ad apparire questo giovedì prima del Commissione Bancaria del Senato, e ha ribadito l’impegno della Fed a ridurre l’inflazione. Tuttavia, lo ha riconosciuto “un atterraggio morbido dell’economia è molto difficile a causa della guerra in Ucraina”

DATI ECONOMICI

Questo giovedì, il Dipartimento del Lavoro degli Stati Uniti ha pubblicato i dati per richieste di disoccupazione settimanaliQuello sono scesi a 229.000 dai 231.000 registrati nella settimana precedente, anche se a ritmi più lenti di quanto previsto dal consenso (227.000).

Vedi anche:  Home Depot guadagna 3,4 miliardi di dollari e supera di poco le previsioni

Inoltre, sono stati pubblicati Indicatori di attività PMI flash di giugno. E sia il PMI manifatturiero che quello dei servizi sono stati nettamente al di sotto delle aspettative. Il Il PMI servizi è sceso a 51,6 a 53,4, al di sotto del previsto 53,5. E il Il PMI manifatturiero è sceso a 51,2 da 53,6al di sotto del previsto 53,7.

L’OLIO CONTINUA A CADERE

Sebbene Powell abbia sottolineato che la Fed può fare poco per abbassare il prezzo del greggio, la verità è che un barile di petrolio Texas occidentale aumenta dello 0,3% ($ 106,52) e il Brent avanzato 0,4% ($ 112,32).

Entrambi i riferimenti continuano ad allontanarsi dai loro massimi mensili segnati a livelli di $ 125perché gli investitori lo stanno già scontando apertamente potrebbe esserci una recessione globale che riduca la domanda nei prossimi mesi.

Ad esempio, gli esperti della banca americana Citi ha alzato al 50% la probabilità che l’economia globale soccomba alla recessione dalle politiche della banca centrale per abbassare l’inflazione.

E il bond manager Pimco si aspetta”una recessione nei prossimi due anni” e ha avvertito del rischio di “incidenti finanziari“a causa dell’inasprimento monetario delle banche centrali, tesi simile a quella difesa da roccia nerail più grande manager del mondo.

Vedi anche:  Torres (BBVA): "Le opportunità in Messico riaffermano il nostro impegno per il Paese"

L’altro grande fattore negativo che pesa sui mercati azionari, la guerra in Ucraina, non accenna a risolversi nel breve termine. La Russia cerca di rafforzare le sue relazioni con i BRICS (Brasile, Sud Africa, India e Cina) mentre tagliare il gas in Europa Y raddoppia la sua offensiva sull’Ucraina orientale.

ANALISI TECNICA DOW JONES

Il Dow Jones “Si sta avvicinando ai minimi annuali e solo poche sessioni fa è stato lasciato un gap ribassista, ricorda l’attuale forza delle vendite da superare. Alti livelli di overselling fanno pensare a un rimbalzo ma che prezzi saranno?

Il primo livello di resistenza si trova nel 31.000 punti . Se riesce a superare questi prezzi, si lancerà a coprire il ultimo gap ribassista che si presenta a 31.392 punti ”, spiega César Nuez, analista di Bolsamanía.

“Se riesce a cancellare questo gap, la cosa più normale è che possiamo vedere un’estensione degli aumenti ai massimi dell’altro gap al ribasso che è rimasto nel 32.272 punti questo stesso mese di giugno. Questi prezzi sono molto importanti e finché non riuscirai a superarli, dovremmo prestare estrema attenzione. ”, aggiunge questo esperto.

In altri mercati, il Euro si deprezza dello 0,5% ($ 1,0507). Oltre al oncia d’oro in aumento dello 0,08% ($ 1.840); e il bitcoin rimbalza del 2,6% ($ 20.583).

Articolo precedenteUna delle 10 migliori viste al mondo è in Spagna
Articolo successivoChiusura leggermente ribassista per l’Ibex 35, appesantito dalle perdite bancarie