Home Economia Guadagni moderati a Wall Street con la sbornia della Fed e in...

Guadagni moderati a Wall Street con la sbornia della Fed e in attesa di Amazon e Apple

122
0

Wall Street registra acquisti moderati nei suoi indici, dopo i notevoli guadagni di questo mercoledìguidato dal Decisione sui tassi della Federal Reserve (Fed).. L’S&P 500 è rimbalzato del 2,6%, mentre il rally del Nasdaq ha raggiunto il livello del 4,06%.

Questo giovedì, il mercato digerirà l’ultimo movimento della banca centrale e le parole del suo presidente, Girolamo Powellmentre ci si prepara a conoscere i risultati di importanti aziende come amazzone o Manzana.

LA FED AUMENTA I TASSI; PERICOLO DI RECESSIONE

La Federal Reserve ha fatto ciò che ci si aspettava e aumento dei tassi di interesse per la seconda volta dello 0,75% per combattere l’inflazione. “Non credo che l’America sia attualmente in recessione e il motivo è che ci sono un gran numero di aree economiche che si stanno comportando bene”, ha assicurato Powell nella successiva conferenza stampa, sottolineando che “non ha senso che siamo in recessione con un mercato del lavoro forte come quello c’è.” proprio ora.

In questo senso, questo giovedì il Dati preliminari del Prodotto Interno Lordo (PIL) del secondo trimestre della principale economia mondiale e il rapporto ha chiarito che gli Stati Uniti sono entrati recessione tecnica. L’economia del Paese è crollata per la seconda volta consecutiva, dello 0,9% nel secondo trimestre dopo la contrazione dell’1,6% nello scorso trimestre, quindi gli allarmi sono già scattati.

Nella sua apparizione davanti ai media, Powell lo ha nuovamente sottolineato l’economia statunitense continua a raffreddarsi e quello l’inflazione rimane troppo altaqualcosa per cui dovrebbe “controllare la domanda per far corrispondere meglio un’offerta limitata di beni e manodopera e per frenare l’aumento dei prezzi e dei salari”.

“Riconoscendo che la spesa e la produzione nell’economia si sono ammorbidite nelle ultime settimane e che la spesa dei consumatori ha seguito l’esempio, Powell potrebbe aver gettato le basi per un possibile rallentamento del ritmo degli aumenti dei tassi, senza dirlo apertamente.”, afferma Michael Hewson, capo della ricerca presso CMC Markets UK.

Vedi anche:  Il petrolio prende una pausa dopo gli ultimi cali tra gli avvertimenti dell'AIE

“Dicendo che ai livelli attuali il tasso sui fondi Fed è nella gamma di ciò che pensano sia neutrale, sembrava cogliere alla sprovvista i mercati”, spiega questo esperto.

Infatti, il mercato si aspetta che la Fed riduca il ritmo degli aumenti dei tassi nei prossimi incontri. Pertanto, per la riunione del Federal Open Market Committee (FOMC) di settembre, ci si aspetta che i tassi aumentino dello 0,5%. Nelle riunioni di novembre e dicembre, infine, si prevede che aumenti consecutivi dello 0,25% porteranno il tasso di riferimento al 3,5% a fine anno.

“D’ora in poi, capiamo che sarà l’evoluzione dell’inflazione a determinare ciò che farà la Fed e, in larga misura, il comportamento dei mercati finanziari occidentali: valute, reddito fisso e reddito variabile”, spiega Juan Fernández-Figares , Direttore della Ricerca presso Link Securities.

RISULTATI: AMAZON E IL GIRO DI APPLE

I deludenti risultati di Obiettivo, Alfabeto (Google) Y microsoft sottolineare l’irregolarità della la stagione dei guadagni in corso negli Stati Uniti, dove le aziende tecnologiche stanno andando particolarmente male. L’azienda di Mark Zuckerberg ha guadagnato il 36% in meno rispetto a un anno fa, fino a 6.687 milioni, e Zuckerberg ha avvertito i suoi dipendenti che la recessione è già arrivata e che la sua compagnia “deve fare di più con meno”. Da allora, i risultati hanno messo a dura prova la società madre di Facebook i loro titoli stanno scendendo al di sopra del 7% sul mercato.

Nel frattempo, questo giovedì è il turno di amazzone Y Manzana. Il primo non ha avuto una buona settimana, Molto colpito dal taglio della ‘guida’ di Walmart, anche se il mercato ha grandi aspettative per l’azienda di Jeff Bezos. Il consenso prevede che le entrate aumenteranno del 5,7% a $ 119,5 miliardi, ma vede anche l’utile per azione scendere a 14 centesimi per azione, in calo dell’82% rispetto a un anno fa.

Vedi anche:  Lo Ibex e l'Europa prolungano il rimbalzo senza perdere di vista Ucraina e Fed

Per quanto riguarda la società di Cupertino, il consenso prevede che sia il fatturato che l’utile per azione diminuiranno problemi di fornitura annunciati lo scorso trimestrecosì come da vendite in Cina. Da segnalare che nelle scorse settimane Apple ha annunciato nel colosso asiatico sconti significativi sui suoi prodotti di fascia alta, il che potrebbe essere un’indicazione che le vendite non sono quelle attese. Il consenso prevede che le entrate aumenteranno a 82,97 miliardi di dollari (+1,9% su base annua) e l’utile per azione scenderà del 10,7% a 1,16 dollari.

Prima di loro, ha sfilato sulla passerella dei risultati Pfizercos’ha ha aumentato l’utile del secondo trimestre del 78%, a 9.906 milioni di euro. Anche i suoi ricavi sono aumentati, del 47%, e visti questi solidi risultati, l’azienda ha deciso di alzare le previsioni per il 2022.

ECONOMIA E ALTRI MERCATI

Nella scena economica, come di consueto, questo giovedì ci sono stati anche Dati sull’occupazione settimanale negli Stati Uniti. Le richieste iniziali sono tornate indietro dopo aver raggiunto il livello più alto in otto mesi. In particolare, è sceso di 50.000 a 256.000 in totale nell’ultima settimana, come riportato dal Dipartimento del Lavoro. Inoltre, sono state riviste quelle della settimana precedente alle 261.000 richieste.

In altri mercati, rimbalzo del petrolio. Il Texas occidentale sale dell’1,7% e viene scambiato con 99 dollari e il Brent1,69%, a 108 dollari.

Il Euro Viene scambiato piatto a $ 1,02. Il oncia d’oro avanzato dell’1,7% a $ 1.748 e il Rendimento obbligazionario statunitense a 10 anni sale al 2,6%.

Il bitcoin avanzato dell’1,8% a $ 23.222.

Articolo precedenteOHLA va in rosso e perde 65 milioni nella prima metà del 2022
Articolo successivoLa Fed alza i tassi di interesse di 75 punti base per combattere l’inflazione