Home Economia Guadagna a Wall Street mentre si scopre cosa farà la Fed dopo...

Guadagna a Wall Street mentre si scopre cosa farà la Fed dopo i dati sul PIL

88
0

rimbalzare Wall Street dopo Guadagno di giovedìguidata da i buoni risultati di Amazon e Apple. Pertanto, gli indici di Wall Street si stanno dirigendo verso una chiusura settimanale positiva.

Questo venerdì, gli investitori digeriscono i dati preliminari del PIL statunitense, mentre cercano di scoprire quale sarà la tabella di marcia della Federal Reserve e di mantenere la concentrazione sulla stagione dei risultati, con alcuni importanti appuntamenti in calendario.

USA IN RECESSIONE: COSA FA LA FED?

I dati sul prodotto interno lordo degli Stati Uniti per il secondo trimestre non lasciano spazio a dubbi: L’America è in recessione tecnica. La prima economia del mondo si è contratta per il secondo trimestre consecutivo, dello 0,9%, dopo il taglio dell’1,6% dello scorso trimestre.

Meno di 24 ore prima, il Riserva Federale (Fed) annunciato a nuovo rialzo dei tassi di interesse di 75 punti base, il secondo consecutivo, in linea con le aspettative del mercato. Nella successiva conferenza stampa, Il presidente Jerome Powell ha riconosciuto che la spesa e la produzione erano “ammorbidite” e che, sebbene l’orizzonte dei crescenti continui ad essere in alto, ha suggerito che questi potrebbero non essere così alti come inizialmente previsto. Tanto che il mercato si aspetta che la banca centrale statunitense aumenti i tassi dello 0,5% a settembre, seguito da due nuovi rialzi di 25 punti base nelle ultime due riunioni dell’anno di portare il tasso di interesse di riferimento al livello del 3,5%.

“Le azioni statunitensi hanno visto una maggiore volatilità sulla scia del rapporto sul PIL. Da un lato, è probabile che una recessione intacchi i profitti aziendali, ma dall’altro la Federal Reserve potrebbe mettere un freno ai suoi piani di rialzo dei tassi, qualcosa che i trader di azioni probabilmente apprezzerebbero”, indica David Madden, analista di mercato di Equiti Capital.

Da parte sua, Lauren Goodwin, portfolio strategist presso New York Life Investments, sottolinea che “il mercato spera che il rallentamento della crescita economica si traduca in una Fed più accomodante”. “Avrebbe senso per me che le aspettative sui tassi più deboli in futuro portino a un po’ di impulso sui mercati azionari”Aggiungere.

Vedi anche:  L'euro compra le voci di un rialzo dello 0,50% della Bce e rischia un'altra delusione

Tuttavia, questo e altri esperti avvertono: c’è ancora molta strada da fare prima della prossima riunione del Federal Open Market Committee (FOMC). Il conclave si terrà dal 20 al 21 settembre, tra poco meno di due mesi, a cui bisogna aggiungere un difficile contesto geopolitico che “rende più difficile prevedere quale sarà la roadmap della banca centrale”.

Forse questo percorso comincerà a essere visto più chiaramente dopo Lettura dell’inflazione PCE di giugno nella più grande economia del mondo, è salito al 6,8% dopo aver posizionato il dato di maggio al 6,3%. Allo stesso modo, questo venerdì il Indice del sentimento dei consumatori dell’Università del Michigan di luglio, che si trova a 51,5 puntiin leggero aumento rispetto ai 51,1 punti di giugno ea quelli attesi dal consenso.

Riferendosi a inflazione core PCE, che esclude i prezzi dell’energia e dei generi alimentari, è timidamente rimbalzato al 4,8% dal 4,7% di maggio. L’evoluzione mensile di tale indicatore è salita allo 0,6%, rispetto allo 0,3% di maggio, e supera di poco lo 0,5% stimato dal consenso.

RISULTATI: APPLE E AMAZON DANNO ARIA AL MERCATO

Manzana Y amazzone dopo aver dato un pallone di ossigeno al mercato i risultati irregolari hanno raccolto questo secondo trimestre da società americane, soprattutto nel caso di società tecnologiche come Alfabeto (Google), microsoft o Obiettivo. I buoni numeri hanno motivato la crescita degli indici nordamericani “dato l’elevato peso di entrambe le società negli indici e il loro impatto sull’attività commerciale di molte altre società del settore tecnologico, i futures dei principali indici di borsa”, afferma Juan Fernández-Figares, direttore dell’analisi presso Link Securities.

Da una parte, Amazon rimbalza fortemente sopra l’11% nel ‘premarket’ di Wall Street grazie ad alcuni risultati che hanno migliorato le aspettative del mercato e dopo aumentare le proprie previsioni per il terzo trimestre. In questo senso, l’azienda fondata da Jeff Bezos prevede che le entrate migliorino dal 13% al 17% nei prossimi tre mesi.

Vedi anche:  Il prezzo del bitcoin rimane sotto pressione: Voyager Digital sospende i prelievi di capitale

“Nonostante le continue pressioni inflazionistiche sui costi di carburante, energia e trasporti, stiamo facendo progressi sui costi più controllabili a cui ci siamo riferiti lo scorso trimestre, in particolare migliorare la produttività della nostra rete di distribuzione“Il CEO di Amazon Andy Jassy ha dichiarato in una nota.

Apple ha invece registrato un utile netto inferiore di 2.000 milioni nel secondo trimestre dell’anno, di circa 19.442 milioni di dollari… anche se il dato semestrale (79.082 milioni) migliora di 5.000 milioni quello dell’anno scorso e ha superato il mercato aspettative, sia sul lato reddituale che su quello reddituale (82.959 milioni nel trimestre, 304.182 nel semestre). “Abbiamo stabilito un record di ricavi nel trimestre di giugno e la nostra base installata di dispositivi attivi ha raggiunto il massimo storico in ogni segmento geografico e categoria di prodotto”ha spiegato Luca Maestri, CFO della società.

Con tutto, La società di Cupertino non fornisce ancora indicazioni ufficiali per il prossimo trimestre, qualcosa che è stato comune in azienda da febbraio 2020, adducendo come motivo l’incertezza generata dalla pandemia di coronavirus. In questo senso, ‘CNBC’ raccoglie alcune dichiarazioni esclusive di Tim Cook in cui il CEO di Apple prevede che “i ricavi accelereranno nel trimestre di settembre, anche se abbiamo visto alcuni punti di debolezza”.

ALTRI MERCATI

In altri mercati, petrolio del Texas occidentale sale del 3,7% a $ 100. D’altra parte, grezzo Brent avanzato del 2,86% a $ 110,2.

Il Euro in calo dello 0,5% a $ 1,0151. Il oncia d’oro avanzato dello 0,3% a $ 1.755. Il Rendimento obbligazionario statunitense a 10 anni sale al 2,705%.

Infine, il bitcoin perde l’1,11% e viene scambiato a $ 23.543.

Articolo precedenteAB InBev: i consumatori affollano le birre premium
Articolo successivoBankinter ‘buy’ per Renta 4: il titolo sale a 6,87 euro