Home Technologia Google svela la prima anteprima di Android 13 sotto il nome di...

Google svela la prima anteprima di Android 13 sotto il nome di Tiramisù

168
0

Google ha rilasciato la prima anteprima per sviluppatori del suo imminente sistema operativo per dispositivi mobili, Android 13, che punta su privacy e produttività, e in cui funziona con l’obiettivo di raggiungere la stabilità a giugno.

La prima anteprima è la prima opportunità, al momento solo per sviluppatoriper scoprire la versione che succederà all’attuale Android 12, come riportato dall’azienda americana in un comunicato per gli sviluppatori Android.

Le novità di Android 13 puntano sulla privacy e sicurezza degli utenti del sistema operativo, ma anche sulle funzionalità di produttività per gli sviluppatori, anche se l’azienda continuerà a lavorare su Android 12L per telefoni con schermi di grandi dimensioni.

Google ha condiviso i suoi piani per lo sviluppo di Android 13 prima del suo rilascio. Il prima fase di qualificazione per gli sviluppatori si svolgerà a febbraio e marzo, con almeno due rilasci.

Si prevede che il prime beta di Android 13 arrivano nel mese di aprile e che, dopo diversi rilasci, la stabilità del nuovo sistema operativo viene raggiunta a giugno, prima dell’arrivo della sua versione definitiva.

Le notizie

Sebbene abbia riconosciuto che è “solo l’inizio di Android 13”, Google ha annunciato le principali novità presenti nella nuova versione del suo sistema mobile nella sua prima anteprima per gli sviluppatori, con la quale cerca di adattare il loro ‘Software‘ prima di rilasciare la versione stabile.

A livello di privacy e sicurezza, Android 13 incorpora due grandi novità rispetto alla sua versione precedente. Il primo di questi è una nuova interfaccia di programmazione dell’applicazione (API) per lo strumento di selezione delle foto, con la quale gli utenti possono trasferire foto e video tra le “app” in modo più sicuro.

Inoltre, la nuova versione di Android ha anche una nuova autorizzazione nella configurazione di Wi-Fiil che significa che le app che devono accedere ai dispositivi connessi nelle vicinanze non devono più richiedere l’autorizzazione alla posizione, nei casi in cui non è necessario.

Vedi anche:  Questo è il GTR 3, lo 'smartwatch' di Amazfit

La produttività degli sviluppatori è un altro degli aspetti centrali su cui Google ha lavorato per Android 13 e l’azienda ha aggiunto al sistema sei novità mirato a questo scopo.

Tra queste novità spicca l’arrivo dei temi alle icone delle applicazioni, come un ulteriore passo nel design di Material You che ha già debuttato con Android 12. Con questi temi, gli utenti possono scegliere diversi design di icone, che ad esempio si adattano automaticamente in base al tono del tono scelto, oppure se il Modalità scura.

Un’altra aggiunta è l’arrivo di diverse preferenze di lingua per ogni applicazione, pensate appositamente per utenti poliglottie ciò consente alla lingua del sistema di non determinare la lingua delle app.

Per quanto riguarda il resto delle funzioni per gli sviluppatori, potranno avere un’API di impostazioni rapide in Android 13 che consente di incorporarle nelle notifiche, un miglioramento del 200% nella separazione dei testi nelle caselle, nuove ombre programmabili o l’arrivo di aggiornamenti con la libreria Java 11 Apri JDK 11.

Aggiornamenti di Google Play

Google ha anche introdotto una serie di novità in Android 13 mirato a una migliore compatibilità delle applicazioni, nonché ad avere il sistema più aggiornato.

Con Android 13, Google amplierà le sezioni del sistema aggiornabili tramite Google Play come parte della sua iniziativa Project Mainline, che cerca di fornire un ambiente più coerente e sicuro per le app e una distribuzione più rapida delle funzionalità agli utenti.

Tra le novità che arriveranno direttamente agli utenti di vecchie versioni di Android grazie a Google Play sono il nuovo selettore foto, OpenJDK 11 o i nuovi moduli Bluetooth e banda larga.

Anche Android 13 avanza con una migliore ottimizzazione dispositivi come tablet, telefoni cellulari e computer con Chrome OS e Google è alla ricerca di sviluppatori di app per adattarle al multitasking.

Gli sviluppatori avranno anche con la nuova versione di Android modifiche volte a facilitare il test e il debug o’debug‘, con nuove opzioni attivabili dalle impostazioni di compatibilità.

Vedi anche:  WhatsApp ti pagherà se acquisti dalla sua "app"

Il nome: Tiramisù

Ufficialmente il sistema operativo si chiamerà Android 13, ma internamente è conosciuto dalla parola chiave Tiramisù.

L’azienda ha aggiunto il nome del dolce italiano esplicitamente nella prima anteprima per sviluppatori di Android 13, rilasciata questo martedì.

Il nome non ufficiale di Android 13 era stato preso in considerazione dalla scorsa estate, quando il portale XDA Developers ha trovato la prima menzione di Tiramisù in una riga di codice, che indicava il messaggio ‘Platform Version_Condename è in fase di aggiornamento da T a Tiramisù’.

Ora, 9to5Google ha rilevato che nelle impostazioni della prima anteprima di Android 13, ‘Tiramisù’ compare sotto ‘la frase’Versione Android’.

Generalmente, una lettera è solitamente inclusa in questo spazio. Ad esempio, l’attuale sistema operativo, Android 12, è stato identificato internamente con la lettera ‘S’, da Cono di neveche potrebbe essere tradotto come cono di neve o granite.

In questo modo, non è la prima volta che Google nomina le versioni del suo sistema operativo mobile con i dessert, poiché all’inizio utilizzava questi nomenclature in ordine alfabetico invece dei soli numeri.

Pertanto, il primo sistema operativo sviluppato da quelli di Mountain View si chiamava Android. torta di mele (torta di mele), il prossimo Android Pane alla banana (pane alla banana) e così via.

Tuttavia, dal 2019 ha smesso di riferirsi ufficialmente ai propri sistemi operativi con i dolci e ha iniziato a farlo solo internamente, proseguendo con il corrispondente ordine alfabetico. Fu allora che il sistema operativo raggiunse ufficialmente il pubblico come Android 10, anche se i suoi sviluppatori lo chiamavano Quindici crostate (torta di mele cotogne), perché la lettera che lo ha colpito era la ‘Q’.

La stessa cosa è successa con la versione successiva, Android 11, che era conosciuta internamente con un nome che inizia con la lettera ‘R’Torta di velluto rosso (torta di velluto rosso).

Articolo precedentePSG vs Rennes: diretta streaming Ligue 1, canale TV, come guardarla online, notizie, quote, orario
Articolo successivoQuaderno di calcio: il nuovo enorme centro di allenamento del PSG, Pochettino su Mbappe, l’ultima collaborazione con Jordan, altro ancora