Home Economia Gli scambi di Wall Street sono contrastanti tra la follia tecnologica

Gli scambi di Wall Street sono contrastanti tra la follia tecnologica

77
0

Wall Street gira e scambia misti dopo un login verde. Il Nasdaq si sta sgonfiando dal pre-open, quando è salito del 2%. Tutto questo accade mentre un gruppo di I titoli tecnologici rimbalzano all’apertura dopo le importanti cadute con cui hanno chiuso questo giovedì. Meta (ex Facebook) non è uno di questi titoli, che è sceso dell’1% dopo aver chiuso questo giovedì con un ribasso del 26%.

Per mettere in prospettiva i movimenti importanti che hanno avuto luogo nella sessione precedente, Meta ha perso 230.000 milioni di dollari di capitalizzazione e ci sono solo 30 società nell’S&P 500 che valgono più di quell’importo. Questo è stato il calo più grande per un’azienda statunitense in un solo giorno.

Anzi, Snap è sceso del 20% e ora è aumentato di oltre il 40%. In una situazione simile è Pinterest, che ha fatto un passo indietro a 10% e ora rimbalza del 2%. Questo comportamento in alcuni dei grandi titoli tecnologici ricorda quello di i ‘piselli’. L’elevata volatilità di queste società negli ultimi giorni è molto ampia e insolita e potrebbe far parte dell’incertezza che ha circondato il settore nel suo insieme dall’inizio dell’anno.

“Con i guadagni più attesi fuori mano, inizieremo a vedere la volatilità attenuata dalla prossima settimana. Ma le carte sono chiaramente ridistribuite nel cuore del FAANG, dove Apple, Amazon e Alphabet (genitore di Google) hanno brillato, mentre Meta (Facebook) e Netflix hanno perso molto in questa ultima stagione di guadagni”, afferma Ipek Ozkardeskaya, di Swissquote.

Vedi anche:  "L'Europa rischia di subire una recessione tecnica più degli USA"

“Questo venerdì il mercato azionario statunitense si sta preparando rimbalzare forte. Il motivo principale di questa reazione inaspettata è da ricercarsi nella pubblicazione dei risultati trimestrali di due società americane legate ai social network, scatti e pinterestche, a differenza di quanto mostrato da Facebook, hanno saputo adeguarsi alle nuove restrizioni sulla privacy imposto da Apple e hanno ottenuto nel trimestre cifre molto positive” difendono da Link Securities.

Ozkardeskaja sostiene che questo venerdì gli investitori tecnologici potranno godere di una sessione molto positiva grazie a amazzone, che ha reso i conti dopo la sessione di giovedì. Secondo i dati forniti dall’azienda, nel 2021 nel complesso ha registrato un utile netto di 33,4 miliardi di dollari, rispetto ai 21,3 miliardi dell’anno precedente. Ha anche annunciato che aumenterà l’abbonamento a “Prime” negli Stati Uniti il ​​25 marzo.

RAPPORTO DI LAVORO

A livello macroeconomico, il principale riferimento della giornata è il Dati sull’occupazione di gennaio che è stato pubblicato prima dell’apertura di Wall Street. Il dato ha stupito per sempre, dal momento che nel mese di gennaio sono stati creati 467.000 posti di lavoro, superando il dato previsto per 150.000 nuovi posti di lavoro. Il tasso di disoccupazione rimane al 4%, vicino a quello di dicembre, al 3,9%.

I dati sono per gli analisti di Pantheon Macroeconomia “molto più forte del previsto” e mostra che “il mercato del lavoro prima di Omicron era molto più forte di quanto si credesse in precedenza, ed è molto allettante sostenere che i dati di gennaio significano che ogni pericolo di un colpo di stato di Omicron è passato”.

Vedi anche:  Lo Ibex inizia la settimana con guadagni moderati e una resistenza chiave attaccante

“Noi siamo un po’ più cauti di così, anche perché i dati quasi in tempo reale sono diminuiti per la maggior parte di gennaio e hanno appena iniziato a riprendersi. L’indagine sulle retribuzioni di febbraio è la prossima settimana, quindi i ritardi tra attività e occupazione suggeriscono che la variazione netta delle buste paga tra gennaio e febbraio potrebbe essere ancora molto piccola o addirittura negativa.

Da parte sua, da economia di Oxford hanno evidenziato che i dati sull’occupazione “mostrano che i lavoratori stanno iniziando a tornare al lavoro in modo più significativo” motivati, secondo gli analisti, dalla “facilità di trovare un lavoro migliore, dall’aumento dei salari e, forse, dalla scadenza del credito d’imposta figli lo scorso mese.

ALTRI MERCATI

In altri mercati, petrolio Texas occidentale rimbalza dell’1,99% a $ 92,07. Inoltre, il Euro si deprezza dello 0,03% e passa a $ 1,1435.

D’altra parte, il oncia d’oro scende dello 0,08% a $ 1.802, mentre il rendimento del Obbligazione statunitense di 10 anni sale all’1,901%, raggiungendo il livello più alto da gennaio 2020. Infine, il bitcoin in aumento del 2% a $ 37.693.

Articolo precedenteNote di calcio: l’ex Barcellona Prez dice che Mbappe ha “firmato” per il Real Madrid, Troyes prende l’americano, altro
Articolo successivo“La Russia non può permettersi che in Ucraina non succeda nulla perché perderà influenza”