Home Moda e bellezza Funzionalità degli assistenti vocali che devi disattivare per proteggere la tua privacy

Funzionalità degli assistenti vocali che devi disattivare per proteggere la tua privacy

191
0

Viviamo in un mondo sempre più robotico. Dal momento in cui ci svegliamo al mattino fino a quando andiamo a letto la sera, effettuiamo innumerevoli interazioni con ogni tipo di persona gadget tecnologici e intelligenze artificiali. A volte lo facciamo consapevolmente e altre volte no.

Il vertiginoso progresso della tecnologia negli ultimi anni ci ha portato a vivono circondati da macchine, la maggior parte delle quali collegate Internet. Telefoni cellulari, tablet, computer, laptop, smartwatch, veicoli e altri dispositivi elettronici sono diventati i nostri veri compagni di vita. Gli assistenti vocali hanno fatto un altro passo che si sono intrufolati nelle nostre case negli ultimi tempi. Ed è che, questi altoparlanti intelligenti non si attivano o disattivano più tramite un pulsante come accade in molti altri, ma vengono utilizzati, principalmente, tramite la voce.

Proprio questa caratteristica è, in larga misura, responsabile del suo successo, in quanto rende il suo utilizzo più comodo e semplice e ci consente di utilizzare il dispositivo tenendoci le mani occupate. Ma anche, le sue funzionalità sono molto diverse e possono facilitare notevolmente la nostra quotidianità. Ad esempio, possiamo utilizzare questi dispositivi per creare liste di cose da fare, liste della spesa, impostare promemoria, effettuare una chiamata, inviare un WhatsApp, riprodurre musica… E se abitiamo anche in un sistema domotico, può accendere il illuminare, mettere riscaldamento o aria condizionata o abbassare e alzare le tapparelle, tra le altre cose.

Vedi anche:  Roset torna con "Eel Gastroweek"

Tuttavia, tutti questi vantaggi sono offuscati una paura sempre più diffusa nelle società moderne: il privacy. E la verità è che proprio come i telefoni cellulari, dai quali non ci separiamo tutto il giorno, anche questi dispositivi che abbiamo nella nostra privacy più profonda (la nostra casa) possono ascoltarci. Ecco perché, in questo articolo, ti mostriamo le funzionalità dell’assistente vocale che devi disattivare per proteggere la tua privacy.

registrazioni

Google Voice Assistant non salverà le tue registrazioni audio né le condividerà con i suoi analizzatori umani per migliorare i suoi algoritmi, a meno che tu non l’abbia fatto espressamente accettato. Se hai mai acconsentito, puoi scegliere per quanto tempo desideri che Google li conservi o puoi eliminarli manualmente.

Per fare ciò, dovrai aprire la scheda “Tu” di Google Home e selezionare “I tuoi dati”. Una volta lì, scorri verso il basso fino a “Registrazioni audio”.

Sensibilità

Se la sensibilità di “Ok Google” è troppo alta, gli altoparlanti continueranno a suonare si collegherà accidentalmente e inizieranno a registrarci ancora e ancora. Per evitare ciò, dobbiamo ridurre tale sensibilità dall’app Google Home, nella sezione “Impostazioni”. Una volta in questa scheda, accederemo ad “Assistente” dove possiamo vedere l’opzione di sensibilità “Ok Google” per regolarla a nostro piacimento.

Vedi anche:  6 usi che sicuramente non conosci e che renderanno la tua giornata più facile

Telecamera

Nel caso in cui utilizzi uno smart display abilitato per Google, potresti voler mantenere fotocamera spenta in modo che non possa registrare quando non lo stiamo utilizzando espressamente. Ogni TV lo utilizza in modo diverso, ma di solito hanno opzioni di scatto fisiche o interne o un pulsante per disabilitare la fotocamera e il microfono.

Esercizio

Come per le registrazioni vocali, Google salva le informazioni sui siti e le app che utilizzi con il tuo account. Per proteggere la tua privacy, è importante configurare anche questa sezione.

Lo faremo dall’applicazione Google Home, nella scheda Impostazioni dell’assistente, dove faremo clic su “Controlli attività di Google”. Lì possiamo vedere quali informazioni Google raccoglie dalla nostra attività su Internet e dalle app mobili. È anche possibile attivare la cancellazione automatica e scegliere con quale frequenza cancellare quei dati.

Articolo precedenteLavare o non lavare il pollo crudo?: riaffiora la polemica su cosa fare prima di cuocerlo
Articolo successivoLa Fed studia un aumento dei tassi di interesse dello 0,75% a causa dell’elevata inflazione