Home Moda e bellezza Frank de la Jungla e gli animalisti escono in difesa del procione...

Frank de la Jungla e gli animalisti escono in difesa del procione trovato a Gijón

127
0

UN procione innocuo scivolato in a Portale di Gijon questo sabato e il Principato delle Asturie ha deciso di sacrificarlo -nell’ambito dell’attuale piano per l’eradicazione delle specie aliene invasive- dopo averlo definito una “specie invasiva e prolifica”.

Il Ministero dell’Ambiente Rurale e della Coesione Territoriale del Principato delle Asturie ha preso in carico questo sabato del procione non identificato raccolto dai vigili del fuoco a un portale a Gijón.

l’incontro

Allo stesso modo, come riportato dal Comune di Gijón, la Polizia Locale ha ricevuto un avviso della presenza di un procione nel portone dell’edificio situato nel Via Covadonga, 5.

I Vigili del fuoco hanno trovato l’animale nel portale dell’edificio e hanno provveduto a prelevarlo per trasferirlo nel parco, dove il lacero comunale ha verificato che manca di chip e identificazione.

Così, avviso è stato dato al Ministero degli Affari Rurali e della Coesione Territoriale, che ha preso in carico il procione e ora sarà sottoposto a eutanasia. All’intervento ha collaborato una dotazione del Nucleo Canino della Polizia Locale.

Vedi anche:  Google dedica il suo Doodle a Montserrat Caballé per il suo 89° anniversario

lotta per salvarlo

Ci sono stati alcuni utenti che hanno parlato contro il sacrificio animale, che si è persa del suo habitat naturale ed è scivolata nel portale. Ad esempio, il ONG del mondo vivente ha denunciato che l’unica soluzione possibile non è la morte dell’animale indifeso. Pertanto, l’organizzazione si è offerta di portarlo in un centro di recupero affinché possa condurre “una vita simile a quella che dovrebbe condurre in libertà” ed evitare così il suo sacrificio.

Pure Frank dalla giungla ha deciso di pronunciarsi sull’argomento: “Per cose del genere ho investito ciò che ho salvato in una vita per creare un santuario degli animali”.

Altri cittadini hanno aperto campagne di raccolta firme attraverso la piattaforma Change.org con lo stesso obiettivo: salvare il procione.

Articolo precedentePiù benzina per le banche: l’EURO STOXX Banks polverizza la parte alta del canale
Articolo successivoGuarda Newcastle United vs Everton: canale TV, informazioni in diretta streaming, ora di inizio