Home Economia Fitch: “L’invasione dell’Ucraina ritarderà la ripresa delle compagnie aeree europee”

Fitch: “L’invasione dell’Ucraina ritarderà la ripresa delle compagnie aeree europee”

66
0

Valutazioni Fitch lo avverte la ripresa delle compagnie aeree europee sarà influenzato dall’invasione russa dell’Ucraina a causa dell’aumento del prezzo del petrolio, che interesserà principalmente le società con un rapporto di copertura del carburante inferiore. Allo stesso modo, l’azienda statunitense sottolinea che “gli ultimi incidenti geopolitici sono un’altra battuta d’arresto che può rallentare la ripresa”, quindi si aspettano “una completa ripresa dei livelli di traffico del 2019 entro il 2024”.

Puoi consultare qui la trasmissione speciale in diretta di ‘Bolsamanía’ sulla guerra.

Il carburante è la voce di costo più grande per le compagnie aereepoiché rappresenta circa un quarto di tutti i costi prima del conflitto, una percentuale che sale all’aumentare del prezzo del carburante”, spiegano dall’agenzia di rating.

Fitch lo nota mentre i rapporti di copertura delle imprese europee sono superiori a quelli di altre regioni (“in genere rappresentano circa i due terzi dei consumi previsti per i prossimi dodici mesi”), il focus di questi è cambiato dall’inizio della pandemia.

Vedi anche:  S&P mantiene il "rating" di Siemens Gamesa ma cambia la sua prospettiva in "negativa"

“Ad esempio, Wizz Air è passata a una politica di non copertura da settembre 2020, ma da allora è tornata alla copertura in seguito al recente aumento dei prezzi, bloccando prezzi più alti”, spiegano, “Se il prezzo rimane alto per più di qualche mese, La competitività dei costi di Wizz Air si indebolirà e anche la sua redditività ne risentirà.

Inoltre, la maggior parte dei paesi europei hanno chiuso il loro spazio aereo alle compagnie aeree russe in risposta all’invasione dell’Ucraina, decisione replicata dalla Russia con società europee. In questo senso, lo sottolinea Fitch i voli per Russia e Ucraina rappresentano solo una piccola parte delle entrate delle compagnie aeree del Vecchio Continente, con i russi i più colpiti, poiché non solo non possono acquistare parti e aerei dal resto delle compagnie, ma “i loro contratti di locazione esistenti devono essere rescissi”.

Vedi anche:  Ethereum estende il suo massimo di oltre un mese e bitcoin combatte con 43.000

Tuttavia, La Turchia è uno dei pochi paesi che consente alle compagnie aeree russe di operare sul suo territorio, motivo per cui Fitch sottolinea che potrebbero beneficiare nel breve termine della posizione del Paese ottomano come hub per collegare la Russia con altre destinazioni. L’azienda newyorkese sottolinea la posizione di vantaggio di Turkish Airlines, che dallo scoppio del conflitto ha aumentato la propria capacità operativa.

“L’unico rating nel nostro portafoglio di compagnie aeree europee che è stato declassato a causa della guerra è quello di Aeroflot (a “CC”) a causa delle sanzioni sulla fornitura di aeromobili e pezzi di ricambio, che interromperanno gravemente la sua attività a causa della sua flotta noleggiata composta principalmente da Boeing e Airbus “, spiegano da Fitch.

Articolo precedenteChelsea vs Newcastle: lo spettro dell’uscita di Roman Abramovich e il lavaggio sportivo incombono sulla vittoria dei Blues
Articolo successivoBruschi cali del petrolio, che continua a correggere dopo gli ultimi massimi