Home Sport Finale di UEFA Champions League: il percorso improbabile e sfavorito del Real...

Finale di UEFA Champions League: il percorso improbabile e sfavorito del Real Madrid per affrontare il Liverpool a Parigi

89
0

Non sembrava che il Real Madrid avesse la possibilità di raggiungere la finale di Champions League dopo la sconfitta per 2-1 contro lo sceriffo Tiraspol, una partita che è stata uno dei più grandi sconvolgimenti nella storia della Champions League. Ma eccoli qui con una possibilità al loro 14° titolo di Champions Leauge se riescono a salutare il Liverpool alle 15:00 ET sabato 28 maggio e puoi seguire tutta l’azione su CBS o Paramout+.

La squadra di Carlo Ancelotti è stata una delle squadre più emozionanti della competizione, ottenendo vittorie in rimonta nelle partite della fase a eliminazione diretta e perdendo vantaggio a causa della fragilità difensiva. Ma questa è la competizione del Real Madrid, vive per questa roba, e c’è un motivo per cui se vince il titolo, avrà il doppio dei titoli della squadra con il numero più basso, il Milan con sette.

Le prestazioni speciali di Karim Benzema e Vinicius Junior hanno aperto la strada ai Blancos per arrivare a questo punto, ma è stato un vero lavoro di squadra. Il Real Madrid è scappato con il titolo della Liga finendo in testa alla classifica con 13 punti sul Barcellona, ​​secondo in classifica, il che darà loro la certezza che contro il Liverpool, nella rivincita della finale di Champions League 2018, riusciranno a battere Jurgen Ancora una volta dalla parte di Klopp.

Ma come è arrivato esattamente il Real Madrid a questo punto? Ecco un riassunto del loro percorso verso la finale.

Qualificazione

Arrivato secondo nella Liga durante la stagione 2020-21, il Real Madrid si è qualificato direttamente per la fase a gironi del torneo.

Disegnare

Disegnato nel Gruppo D, il Real Madrid ha ricevuto un gruppo difficile che includeva Inter, Sherriff e Shaktar Donetsk. È un gruppo da cui ci si aspettava che i Los Blancos avanzassero, ma non senza una potenziale buccia di banana.

Risultati fase a gironi

  • Giornata 1: Inter 0, Real Madrid 1
  • 2^ giornata: Real Madrid 1, Sceriffo 2
  • Giornata 3: Shakhtar Donetsk 0, Real Madrid 5
  • Giornata 4: Real Madrid 2, Shakhtar Donetsk 1
  • 5a giornata: Sceriffo 0, Real Madrid 3
  • Giornata 6: Real Madrid 2, Inter 0

Risultati degli ottavi di finale

Prima tappa: PSG 1, Real Madrid 0

L’inizio di una delle strade più difficili che qualcuno abbia mai visto attraversare una squadra per arrivare alla finale di Champions League, il Real Madrid ha iniziato la fase a eliminazione diretta recandosi in Francia per affrontare il Paris Saint-Germain. Il PSG ha dominato la partita dall’inizio alla fine, ma non è stato in grado di sfruttare i 21 tiri contro solo tre per i Los Blancos.

Il Real Madrid in realtà non ha segnato un solo tiro in porta rispetto agli otto del PSG ed è solo grazie a una delle tante impressionanti prestazioni in rete di Thibaut Courtois che questo non è finito per essere un punteggio sbilenco. Kylian Mbappe ha consegnato il suo primo pugnale al Real Madrid nel pieno dei tempi di recupero prima di decidere di non firmare con loro e scegliere di rimanere con il PSG segnando un gol dopo aver battuto due difensori. Sembrava che il PSG avrebbe vinto il pareggio, ma è per questo che si giocano due gare.

Vedi anche:  Pronostici Inter Milan vs Liverpool: perché Mohamed Salah vs Alessandro Bastoni è il nostro miglior match da guardare

Seconda tappa: Real Madrid 3, PSG 1

È stato ancora Mbappe a portare il PSG in vantaggio al 39′ e in vantaggio per 2-0 complessivamente nel pareggio. Un vantaggio che sembrava non essere toccato dato che il Real Madrid faticava ancora a contenerlo, ma dopo il primo tempo Ancelotti ha fatto due cambi chiave con Rodrygo ed Eduardo Camavinga che sono entrati per Toni Kroos e Marco Asensio.

Poi negli ultimi 30 minuti è subentrato Karim Benzema. Vini Jr. ha assistito il suo primo gol, che sembrava più un avvertimento per il PSG che un pericolo reale, ma non passò molto tempo prima che pareggiasse il punteggio al 76 ° minuto. Ci sono voluti solo altri due minuti per Benzema per raccogliere la sua tripletta e completare il tracollo del PSG in un pareggio che ha dato inizio a quella che sembra una corsa al destino per il Real Madrid fino alla finale di Champions League.

Risultati dei quarti di finale

Prima tappa: Chelsea 1, Real Madrid 3

In un’altra partita in cui le statistiche non corrispondono al risultato, il Chelsea ha dominato allo Stamford Bridge, ma la seconda tripletta consecutiva di Benzema ha assicurato che il Real Madrid sarebbe tornato in Spagna con due gol di vantaggio. Il Chelsea ha avuto una buona occasione solo cinque minuti prima che Vini Jr. scuotesse la traversa poco dopo. Anche se il suo traguardo non è arrivato allo Stamford Bridge, il passaggio di Vini Jr. lo ha fatto sicuramente quando il suo cross per Benzema ha aperto le marcature poco dopo.

In quella che è stata un’altra qualità del Real Madrid in Champions League, Benzema ha impiegato solo tre minuti per ottenere un altro gol su assist di Luka Modric. Il Chelsea ricaverebbe un gol con Kai Havertz ma non basterebbe perché Benzema ha approfittato di un errore quando giocava da dietro. Il passaggio di Edouard Mendy per Antonio Rudiger viene intercettato dal francese e rotolato a porta vuota. Il Chelsea ha avuto le sue possibilità ma non è riuscita a farle contare cadendo al Real Madrid.

Seconda tappa: Real Madrid 2, Chelsea 3

La squadra di Thomas Tuchel avrebbe potuto rinunciare alla gara di ritorno in Spagna, ma non sarebbe caduta senza combattere. Mason Mount ha avuto fiducia quando ha segnato 15 minuti dopo che il Chelsea aveva già creato alcune occasioni pericolose. Non era ancora il momento di preoccuparsi per il Real Madrid visto che era nello stadio di casa, ma era anche chiaro che il prossimo gol avrebbe cambiato le cose. Sfortunatamente per loro, quello è andato anche al Chelsea quando Antonio Rudiger ha segnato il secondo.

Il Real Madrid faticava a prendere il controllo e ancora una volta Toni Kroos è stato rimosso dalla partita per Eduardo Camavinga. Timo Werner ha segnato il terzo gol del Chelsea e sembrava che i Blues avrebbero marciato verso il turno successivo con una notevole rimonta. Ma nessuno batte in rimonta i re della rimonta della Champions League. Ancelotti ha continuato ad apportare modifiche tempestive presentando Marcelo e Rodrygo. Due minuti dopo la sua introduzione Rodrygo ha colpito la rete dopo un passaggio sublime di Modric. Nei tempi supplementari è stato tutto il Real Madrid e chi altro, tranne Benzema, è riuscito a spingere i Blancos al turno successivo.

Vedi anche:  AS Roma vs. Feyenoord: diretta streaming finale UEFA Conference League, canale TV, come guardarla online, notizie, quote

Risultati semifinali

Prima tappa: Manchester City 4, Real Madrid 3

Una delle partite del torneo, questa è stata una partita che ha rotto la comprensione delle persone su come funziona il calcio. Il Manchester City avrebbe potuto segnare sette gol, ma aveva la sensazione di squadre di livello mondiale che si riunivano per una partita di ripresa. Solo che questa partita di raccolta aveva in palio il premio di un posto nella finale di Champions League. Il City era già in vantaggio di due gol prima che fossero trascorsi 12 minuti nella partita quando Kevin de Bruyne e Gabriel Jesus hanno trovato il fondo della rete.

Poi i due giganti hanno iniziato a scambiarsi colpi quando Benzema ha segnato prima che Phil Foden annullasse quel gol. A Vini Jr. non sarebbe stato negato di segnare solo due minuti dopo, prima che Bernardo Silva colpisse uno storditore. Dopo un fallo di mano di Americ Laporte, Benzema ha segnato uno dei rigori più freddi che tu abbia mai visto con una panenka proprio nel mezzo che ha lasciato l’intero stadio sbalordito. Ha posto le basi per un’epica gara di ritorno in Spagna.

Seconda tappa: Real Madrid 3, Manchester City 1

Una partita che avrebbe potuto avere un esito diverso se Kyle Walker non se ne fosse andato con un infortunio, è stata bloccata per la maggior parte della partita. Riyad Mahrez ha aperto le marcature al 73′, ma è stata un’altra partita in cui Courtois ha dovuto fare una prestazione speciale per dare una possibilità al Real Madrid. Il City ha avuto la possibilità di andare sul 2-0 all’87° minuto, ma il primo tiro di Jack Grealish è stato respinto dalla linea prima e il suo secondo tiro pochi istanti dopo è stato parato da uno stivale di Courtois teso.

Il Real Madrid farebbe pentire il City dei propri errori poiché Rodrygo ha avuto un tempo di recupero doppio per pareggiare il pareggio complessivamente e forzare i tempi supplementari. Il City ha subito un altro rigore in un momento critico quando Ruben Dias ha abbattuto Benzema che avrebbe superato Ederson con un rigore forte e perforato dopo essersi già messo in testa con il panenka all’andata. Il City ha finito il gas nei tempi supplementari quando il Real Madrid ha perforato il biglietto per la finale.

Finale di Champions

E ora il Liverpool è il prossimo passo per una rivincita del 2018. Anche se questa volta la squadra della Premier League potrebbe essere favorita, il Real ha avuto quella salsa speciale finora in questa stagione e gli uomini di Jurgen Klopp potrebbero subire la stessa sorte di Chelsea e Manchester City prima di loro.

Articolo precedenteGalán (Iberdrola) chiede a Davos di accelerare la transizione energetica
Articolo successivoQuesto è lo “smartphone” X8, di Honor