Home Sport FIFA, UEFA sospende le squadre russe dalle competizioni calcistiche internazionali, compreso il...

FIFA, UEFA sospende le squadre russe dalle competizioni calcistiche internazionali, compreso il Mondiale

72
0

FIFA e UEFA hanno sospeso la Russia dal calcio internazionale fino a nuovo avviso, hanno annunciato congiuntamente i gruppi lunedì. La mossa arriva dopo che il Comitato Olimpico Internazionale (CIO) lo ha raccomandato tutti gli atleti russi e bielorussi saranno banditi da eventi internazionali successivi all’invasione russa dell’Ucraina.

A seguito delle decisioni iniziali adottate dal Consiglio FIFA e dal Comitato Esecutivo UEFA, che prevedevano l’adozione di misure aggiuntive, la FIFA e la UEFA hanno deciso oggi insieme che tutte le squadre russe, siano esse rappresentative nazionali o squadre di club, saranno sospese dalla partecipazione a entrambe Competizioni FIFA e UEFA fino a nuovo avviso.

Queste decisioni sono state adottate oggi dall’Ufficio di presidenza del Consiglio FIFA e dal Comitato Esecutivo della UEFA, rispettivamente i massimi organi decisionali di entrambe le istituzioni su questioni così urgenti.

Il calcio è pienamente unito qui e in piena solidarietà con tutte le persone colpite in Ucraina. Entrambi i Presidenti sperano che la situazione in Ucraina migliori in modo significativo e rapido in modo che il calcio possa nuovamente essere un vettore di unità e pace tra i popoli.

Il consiglio di amministrazione del CIO ha preso la decisione “al fine di proteggere l’integrità delle competizioni sportive globali e per la sicurezza di tutti i partecipanti”.

La FIFA è stata oggetto di pesanti critiche per la sua risposta alle azioni russe in Ucraina. Il loro presidente Gianni Infantino ha inizialmente espresso il desiderio che il conflitto finisse in tempo per la partita di qualificazione ai Mondiali tra Russia e Polonia il 24 marzo prima che il Consiglio FIFA annunciasse domenica che la Russia non sarebbe stata in grado di giocare le partite in casa e avrebbe dovuto competere sotto il nome “Federcalcio della Russia.”

Vedi anche:  Cessione del Milan: Investcorp del Bahrain in trattative esclusive per l'acquisto di un club storico di Serie A, secondo il rapporto

Desideri una copertura ancora maggiore del gioco mondiale? Ascolta sotto e segui ¡Qué Golazo! Un podcast di calcio quotidiano della CBS dove ti portiamo oltre il campo e in giro per il mondo per commenti, anteprime, riepiloghi e altro ancora.

Tali azioni sono state ritenute insufficienti dalle federazioni calcistiche di Polonia, Svezia e Repubblica Ceca – una delle ultime due potrebbe affrontare la Russia in una partita di qualificazione con un posto al Qatar 2022 in palio – tutte hanno riaffermato la loro precedente posizione secondo cui non giocherebbero una squadra che rappresenta il paese. Questa posizione è stata ripresa da numerosi altri paesi europei con la Francia che ha chiesto la loro espulsione dalla Coppa del Mondo.

US Soccer si è unito agli appelli alla Russia di non avere alcun ruolo nel calcio internazionale. Una dichiarazione lunedì affermava: “La Federazione calcistica degli Stati Uniti è unita al popolo ucraino ed è inequivocabile nella nostra denuncia dell’invasione atroce e disumana da parte della Russia. Non offuscheremo il nostro gioco globale, né disonoreremo l’Ucraina, prendendo lo stesso campo come la Russia, indipendentemente dal livello di concorrenza o dalle circostanze, fino a quando la libertà e la pace non saranno state ripristinate. #WeStandWithUkraine”.

Vedi anche:  Pronostici Atalanta vs. Salernitana, pronostici, come guardare, live streaming: 2 maggio 2022 Pronostici Serie A italiana

La FIFA deve ancora decidere come modificare il girone di qualificazione alla luce dell’allontanamento della Russia dalla scena calcistica internazionale. La Polonia potrebbe ricevere un addio per affrontare la vincitrice del pareggio tra Svezia e Repubblica Ceca. È anche possibile che un terzo spazio nel secondo turno delle qualificazioni possa essere consegnato a una squadra in base alla prestazione in Nations League; L’Ungheria è stata la successiva di queste nazioni di maggior successo dopo l’Austria e la Repubblica Ceca. Potrebbe essere presa in considerazione anche la Slovacchia, terza dietro a Croazia e Russia nel Gruppo H di qualificazione.

L’organo di governo del calcio europeo, che venerdì ha privato il San Pietroburgo del diritto di ospitare la finale di Champions League di May, ha anche concluso il loro accordo di sponsorizzazione con la società energetica statale russa Gazprom, un affare del valore di 45 milioni di dollari all’anno. Nel frattempo, la UEFA sta lavorando alla rimozione della squadra femminile russa dagli Europei di quest’estate in Inghilterra.

L’ultimo russo rimasto in una competizione europea per club, lo Spartak Mosca, sarà anche espulso dall’Europa Leaguesalutando l’RB Lipsia ai quarti di finale.

Articolo precedentePremier League: l’Everton riceve le scuse dagli arbitri per il rigore sbagliato per fallo di mano di Rodri
Articolo successivoLa criptoeconomia aggredisce il Mobile