Home Technologia Elettrificazione, il vento nuovo a favore del business delle PMI e degli...

Elettrificazione, il vento nuovo a favore del business delle PMI e degli appaltatori

157
0

Il cambiamento del modello energetico dai combustibili fossili alle energie rinnovabili sta prendendo velocità, sostenuto da un tasso di investimento sempre crescente. È il caso di Endesa, che nel 2021 ha aumentato di oltre un miliardo il valore degli acquisti effettuati dai fornitori, soprattutto grazie a maggiori investimenti in rinnovabili, digitalizzazione delle reti ed elettrificazione dei trasporti. “Endesa si è impegnata nella transizione verso un modello sostenibile, triplicando gli investimenti per poter affrontare queste opportunità nel settore energetico. Un investimento che sarà redditizio, positivo per i nostri azionisti e positivo per la Spagna”, spiega Ignacio Mateo, Direttore Generale Acquisti di Endesa.

Questa spinta agli investimenti ha portato ad una maggiore attività con le aziende fornitrici, anche nella sostenibilità. Infatti, il principale criterio di contrattazione ha cessato di essere il prezzo per privilegiare l’estensione dei principi aziendali ai fornitori. “Dobbiamo assumere molto e dobbiamo farlo bene. E ciò significa che i nostri fornitori devono essere allineati ai pilastri della sicurezza dei lavoratori, della sostenibilità e della digitalizzazione”, afferma Ignacio Mateo.

Supporto per fornitori impegnati

Questo “fare bene” che Mateo sottolinea, significa che le procedure di gara trasferiscono questi principi alla filiera, che richiede che i fornitori siano qualificati secondo criteri ambientali, sociali ed etici, oltre che tecnici ed economici.

Una delle misure di stimolo promosse è stata la cosiddetta ‘Blue Confirming’. Un sistema grazie al quale l’azienda offre uno sconto del 35% sul costo dell’incasso anticipato delle fatture a quei fornitori che hanno ottenuto la certificazione ambientale ISO 14001. “È un modo per le aziende di avere un incentivo in più per fare le cose meglio dal punto di vista ambientale”.

Vedi anche:  Evento Apple 2022: Ora e dove vedere la presentazione delle notizie dal vivo

Al di là dell’aspetto ambientale, l’aumento degli investimenti ha contribuito a promuovere l’occupazione. “L’anno scorso hanno lavorato per noi circa 4.000 aziende, 40.000 lavoratori esterni. Questo dà la misura del grado di capillarità e dell’intensità con cui il piano di incremento degli investimenti di Endesa sta promuovendo il tessuto industriale spagnolo”.

Con questo obiettivo di riaffermarsi come agente dinamico dell’economia, Endesa ha individuato un gruppo di circa 500 aziende da supportare per migliorare la propria competitività, scommettere sulla sostenibilità delle proprie attività e riuscire a diversificare. “Attraverso il Supplier Development Program, cerchiamo di garantire che ci siano più aziende in grado di partecipare ai processi di offerta nelle aree di business in crescita”, afferma Mateo.

giusta transizione

Endesa comprende che il percorso verso la decarbonizzazione deve andare di pari passo con la promozione di nuove opportunità per le comunità locali. Per questo ha avviato una strategia di riorientamento dei fornitori che operavano nelle centrali a carbone in via di chiusura verso altri ambiti di attività dell’azienda, favorendo il mantenimento del rapporto con Endesa. “Lavoriamo con alcune di queste aziende da 40 anni e non vogliamo lasciarle indietro. Nel breve termine, li stiamo facendo accompagnare nel processo di smantellamento delle centrali a carbone, un processo tecnicamente e ambientalmente complicato”, afferma Ignacio Mateo.

Vedi anche:  La Diputació stanzia circa 70 milioni per le energie rinnovabili e la transizione verde

A medio termine è stato sviluppato un programma per supportare questi fornitori nella transizione verso altri modelli di business come le rinnovabili. “In queste aree carbonifere abbiamo già realizzato 500 azioni di formazione e vogliamo raggiungerne 1.200 nel 2022, in modo che la popolazione locale sia preparata a questi nuovi modelli di business che andranno a sostituire il carbone”.

Fornitori, in prima persona

Le aziende vincitrici prendono il guanto della sostenibilità e accettano la sfida di un modello contrattuale che dia priorità a questi valori. “È un riconoscimento alle aziende che svolgono il proprio lavoro in modo sostenibile. La nostra sfida è ridurre l’uso delle risorse. Le alleanze sono un complemento alla lealtà e alla buona pianificazione”, afferma Miguel Cano, MAN Works and Flooring Manager, che lavora per Endesa nella manutenzione degli impianti fotovoltaici.

Un altro esempio è Lymet, società che installa reti di distribuzione elettrica e rinnovabile che conta più di 600 persone che lavorano per Endesa che lavorano direttamente per Endesa, in particolare a Barcellona e Hospitalet del Llobrega. Lymet ha moltiplicato il lavoro svolto per l’azienda elettrica in quanto gli investimenti nelle reti di distribuzione sono, insieme alla promozione delle energie rinnovabili, una priorità di Endesa. Come spiega il suo manager, Carlos García, “sostenibilità, rispetto per l’ambiente, valori sociali, servizio e attenzione ai nostri clienti sono il nostro segno distintivo da oltre 30 anni. Siamo totalmente d’accordo sul fatto che Endesa dia priorità a questi valori tra i suoi fornitori”.

Articolo precedenteL’Ibex 35 si ferma dopo aver segnato i massimi annuali e aver toccato i 9.000 punti psicologici
Articolo successivoAnsiolitici, la nuova droga tra gli adolescenti