Home Salute Ecco come il covid può influenzare i tuoi occhi

Ecco come il covid può influenzare i tuoi occhi

72
0

Gli studi sul coronavirus indicano il tosse, febbre e mancanza di respiro come i principali sintomi del covid, ma se ne sono aggiunti di nuovi, come dolore alla parte bassa della schiena o tinnito o tinnitotra gli altri.

Uno dei primi ad apparire, tuttavia, fu il congiuntivite: Secondo una ricerca dell’Università di Alberta (Canada), il gonfiore o secchezza oculare Può anche essere considerato un sintomo che la persona abbia contratto il covid-19.

Studio 2020

Lo studio che ha dato origine a queste ipotesi ha analizzato il caso di una donna di Edmonton ed è stato pubblicato sul ‘Canadian Journal of Ophthalmology’. Nel marzo 2020, una donna di 29 anni si è presentata al Royal Alexandra Hospital Eye Institute di alberta con un caso grave di congiuntivite e sintomi respiratori minimi.

Dopo diversi giorni di cure con scarsi miglioramenti, e notando che la donna era tornata da poco a casa dall’Asia, un medico ha ordinato un test covid-19, che è risultato positivo.

Nessun sintomo respiratorio

“La cosa interessante del caso […] era che la presentazione principale della malattia non era un sintomo respiratorio. era l’occhio. Non c’era febbre o tosse, quindi all’inizio non siamo stati portati a sospettare il covid-19. Non sapevamo che potesse verificarsi principalmente con l’occhio e non con i polmoni”, spiega uno degli autori, Carlos Solarte.

Vedi anche:  Per questo le donne britanniche vengono in Spagna per acquistare farmaci anti-menopausa

Secondo il ricercatore, gli studi accademici all’inizio della pandemia hanno identificato la congiuntivite come sintomo secondario in circa il 10-15% dei casi di coronavirus. Da allora, gli scienziati hanno acquisito una maggiore comprensione di come il virus può essere trasmesso attraverso e influenzare il sistema della membrana mucosa del corpo, di cui la congiuntiva, la membrana chiara e sottile che copre la superficie anteriore dell’occhio, è un’estensione.

Recupero

“Il paziente in questo caso si è ripreso finalmente bene senza problemi. Ma molti dei residenti e del personale che erano in stretto contatto con il paziente hanno dovuto mettersi in quarantena. Fortunatamente, nessuno di coloro che sono stati coinvolti nelle sue cure è risultato positivo”, ha detto Solarte.

Da allora, sono stati documentati molti altri casi di coronavirus dovuti al covid ed è stato stabilito che il coronavirus può causare a congiuntivite follicolare lievemolto meno grave della congiuntivite causata da adenovirusi microrganismi che di solito causano questa patologia e che si tratta di una malattia altamente contagiosa perché questi virus si trasmettono entrando in contatto con secrezioni oculari o respiratorie, fomiti o piscine contaminate.

Vedi anche:  L'EMA approva il vaccino di richiamo con Pfizer negli adolescenti e quello di Moderna nei bambini

Nelle persone che hanno sviluppato il covid, il coronavirus è presente nelle lacrime e in alcune secrezioni oculari, come i reumatismi. Per questo motivo devono essere prese precauzioni estreme per evitare la trasmissione del virus attraverso queste secrezioni, evitando di toccarsi gli occhi e in alcuni casi utilizzando occhiali protettivi.

Sintomi

I sintomi della congiuntivite da coronavirus sono occhi rossi, aumento delle secrezioni oculari, sensazione di corpo estraneo all’interno dell’occhio e fastidio quando si indossano le lenti a contatto, disagio che di solito dura, come quasi tutti, dai 7 ai 10 giorni.

Il trattamento della congiuntivite follicolare lieve si basa soprattutto su misure di sollievo; cioè nell’applicazione di siero, panni freddi e colliri antistaminici se c’è prurito. I normali lavaggi salini di solito aiutano ad alleviare il prurito e combattere la sensazione di avere un corpo estraneo all’interno dell’occhio.

Articolo precedenteSabadell avverte del rischio che la guerra in Ucraina rappresenta per l’economia
Articolo successivoCos’è la scabbia e come si diffonde: sintomi principali