Home Vita Pratica È quasi morto con l’acqua contaminata: da allora salva vite con la...

È quasi morto con l’acqua contaminata: da allora salva vite con la sua fontana unica

219
0

Si dice spesso che i capricci del viaggio rappresentino i nostri ricordi più belli. Jean-Paul Augereau è d’accordo con questo? Non sono sicuro ! Infatti, quest’ultimo ha era vicino alla morte per acqua contaminata durante un soggiorno in Egitto. Dopo questa disavventura e una discesa agli inferi, ha cambiato completamente vita e ora produce fontane per acqua potabile. A volte le nostre brutte esperienze diventano i nostri punti di forza. Condividiamo con voi il suo viaggio.

La testimonianza di un uomo che è quasi morto per aver bevuto acqua contaminata

Grazie a questo incidente, Jean-Paul Augereau sta aiutando migliaia di persone. Infatti, il le fontane d’acqua da lui prodotte consentono di rendere potabile l’acqua contaminatae senza manutenzione e senza elettricità. Così, porta la sua pietra nell’edificio nel declino delle malattie e aiuta con la scuola in tutto il mondo. ” Due miliardi di persone nel mondo non hanno accesso all’acqua potabile“, ricorda Jean-Paul Augereau all’inizio di ogni presentazione. Un numero terrificante. La sua fontana di acqua potabile della ONG Safe water cube è un dispositivo totalmente meccanico e solido che non ha bisogno di elettricità per funzionare. Ottime notizie in questo contesto attuale. Inoltre, non è necessaria alcuna manutenzione.

Crea una fontanella

Dal 2016, 20 paesi beneficiano delle sue fontaneS. Possiamo citare ad esempio Haiti, Messico, Benin, Costa d’Avorio, Madagascar, India, Cambogia… In tutto, Sono stati installati 340 dispositivi. Grazie ai cinque stadi di filtrazione, queste fontane consentono di rendere potabile qualsiasi acqua contaminata. L’ultima è una filtrazione ceramica a 0,02 micron, più piccola delle dimensioni di batteri e virus, che contribuisce a garantire la qualità dell’acqua. », spiega il progettista. L’ingegnere di formazione sa che deve guadagnarsi la fiducia delle popolazioni per dispiegare queste fontane. Così si avvicina alle associazioni locali dei villaggi. ” Li installiamo nelle scuole, perché la linea di fondo è lavorare sull’educazione dei bambini. Grazie a questa acqua potabile abbiamo ridotto dell’85% l’assenteismo scolastico. Questo migliora la loro istruzione“. Vale a dire, una fontana può nutrire circa mille persone ogni giorno. Quando Jean-Paul Augerau interviene, informa e sensibilizza anche i suoi interlocutori. Per questo presenta un’opera teatrale sull’acqua potabile e la salute. “Quando i bambini tornano a casa, lo raccontano ai genitori e così tutto il villaggio viene informato dell’arrivo della fontana. », lui spiega. Prima di dedicarsi alla produzione di fontane, Jean-Paul è stato a capo di aziende tessili e di pelletteria, in Francia, ma anche all’estero. ” Ho trascorso la mia vita sugli aeroplani, ho lavorato fino allo sfinimento e mi sono preoccupato poco degli altri“, confida. Un giorno, la sua vita cambia durante un soggiorno in Egitto. Si lava i denti con l’acqua del rubinetto dell’hotel. Acqua contaminata senza saperlo ed è una discesa agli inferi. Prende un sepsiè necessario avere a trapianto di valvola aortica e cadi dentro bruciato per due anni e mezzo. Seguito da un allenatore, capisce che la sua vita non gli si addice più. ” Trovare un significato per me significava dire: mi sono ammalato a causa dell’acqua. Sono vivo perché qualcuno mi ha fatto un trapianto. Bene, cercherò di restituire qualcosa agli altri attraverso l’acqua“, dice Jean-Paul. Ma la strada era lunga prima di rilasciare il suo prodotto. Per tre anni ha infatti studiato il mercato, in particolare a livello normativo. Per prima cosa ha creato un primo impianto di trattamento delle acque contaminate, ma era troppo complicato. “Non ci sono fallimenti, ci sono solo apprendimenti”. A poco a poco, è progredito e ha finito per creare la sua fontana d’acqua. Naturalmente, l’aspetto finanziario è sempre il lato difficile della sua attività. ” La produzione di una fontana costa seimila euro“. Decine di fontane sono pronte e non sono ancora state consegnate, poiché i finanziamenti sono in attesa. ” I bisogni sono enormi“, disse con rammarico. Determinato, continuerà la sua buona azione con la sua ONG per andare cercare gli euro necessari e continuare a “lavare” l’acqua contaminata. P

Articolo precedenteVaporiera Lidl [email protected] Russel Hobbs a soli € 34,99 – novembre 2022
Articolo successivoIkea: questo mobile multifunzionale è indispensabile per riordinare alla perfezione il tuo bagno
Un appassionato di viaggi. Giornalista e bevitore di caffè. Web evangelist e fanatico della birra da sempre, ma anche appassionato di cultura pop!