Home Salute È così che funziona il circuito di rilevamento rapido del cancro dell’ospedale...

È così che funziona il circuito di rilevamento rapido del cancro dell’ospedale Vall d’Hebron di Barcellona

86
0

In 2005l’Unità di Patologia della Mammella dell’Ospedale Universitario Val d’Hebron impiantato il circuito diagnosi rapida di cancro al seno. Da allora, più di 12.000 persone hanno beneficiato di questo processo, che segue il indicazioni del Master Plan di Oncologia del Dipartimento di Salute per stabilire questo tipo di protocolli negli ospedali pubblico catalani. Nel 44% di questi casi di sospettola diagnosi finì per essere affermativa.

Il circuito diagnostico veloce funziona grazie alla partecipazione di specialisti in chirurgia mammella e patologia mammaria, radiologi e altri esperti chi lavora come multidisciplinare per ogni caso. Inoltre, è un processo multimodaledurante il quale diverso test diagnostici per ottenere un valutazione globale di ogni paziente lo stesso giorno che va in ospedale.

Scadenze ridotte e angoscia

Come spiegato dal Dott.ssa Ana Rodriguez-Aranaresponsabile della Sezione di Radiologia Femminile, questo circuito consente a diagnosi senza che il paziente debba andare giorni o settimane diversi per ottenere i vari test.” A sua volta, questo rende più facile ridurre l’angosciaOltre a ricevere un proposta di trattamento dopo un po giorniseguendo quindi il raccomandazioni iniziare il trattamento prima 30 giorni dal sospetto diagnostico.

Ogni giorno valutiamo tra 4 e 8 casi sospettato di cancro al seno nel veloce circuito di Vall d’Hebron”, commenta Ingrid Fauracase manager dell’infermiera di circuito ed educatore sanitario dei pazienti prima dei test diagnostici.

Vedi anche:  Questo è il disturbo che costringe la regina Letizia a levarsi di dosso

viaggio paziente

Il circuito inizia con l’appuntamento del paziente con il chirurgo o chirurgo per uno prima valutazione. Questo esperto decide, con l’aiuto del radiologo o radiologoche cosa prove le diagnosi inizieranno ad essere effettuate solo mezz’ora dopo. Successivamente, i professionisti commentano il risultati ottenuto, verificando se Confermare il sospetto di paziente.

Successivamente, alcuni due settimane successivamente alla persona interessata per a seconda visitadopo averne fatto altro prove necessario a seconda dei casi. In questo nuovo appuntamento, il paziente viene informato del previsione Y piano terapeutico proposto, sia da chirurgia o chemioterapia. Queste trattamenti vengono solitamente applicati durante primi 30 giorni dalla visita iniziale, mentre il diagnosi Di solito ci vuole una media di 9,6 giorni.

Articolo precedenteAttività fisica | Cosa devi fare per essere in forma “per il resto della tua vita”? Harvard ha la risposta
Articolo successivoil documentario a sorpresa che Netflix ha pubblicato sulla ‘consellera’ Alba Vergés