Home Salute Due spagnoli su 3 di età superiore ai 40 anni hanno problemi...

Due spagnoli su 3 di età superiore ai 40 anni hanno problemi a leggere i menu dei ristoranti

433
0

2 spagnoli su 3 tra i 40 ei 70 anni hanno avuto problemi di vista per leggere la lettera del menu di un ristorante e quasi il 90 percento degli spagnoli si è trovato in situazioni in cui avevano bisogno di occhiali per vedere da vicino. Tuttavia, il 41% nasconde di avere problemi di vista, il che influenza, insieme ad altri motivi, che solo 1 spagnolo su 3 usa occhiali progressivi.

Sono alcuni dei dati dello studio ‘It’s time for progressives’ di Multiópticas, dove alcuni dei problemi di vista affrontati da un segmento della popolazione spagnola e le loro conseguenze vengono tradotti in cifre, avvicinando così l’uso dei progressisti al popolazione, in particolare le persone di età superiore ai 40 anni, l’età in cui di solito compare questo problema, secondo lo studio.

Nelle parole di Carlos Crespo, CEO di Multiópticas, “Sebbene indossare gli occhiali sia un’esigenza sempre più diffusa a causa dell’età o dell’uso degli schermi, è sorprendente che ci siano ancora dei tabù sull’uso delle lenti progressive. Lo studio ‘It’s time for Progressives’ porta in tavola problemi reali di persone reali, con cui intendiamo normalizzare e avvicinare l’uso dei progressisti a chi ne ha più bisogno”.

Vedi anche:  Il diabete di tipo 2 provoca l'invecchiamento cerebrale e riduce la materia grigia

Attraverso due spot vengono riproposte situazioni quotidiane in cui i protagonisti affrontano problemi derivati ​​dalla mancanza di vista. Pertanto, la campagna cerca di abbattere le barriere e i tabù che impediscono agli spagnoli di utilizzare per la prima volta gli occhiali progressivi. Prendendo come punto di partenza situazioni reali, gli spot riflettono i dati

dello studio attraverso scene comuni in cui le persone sono colpite dai loro problemi di vista e dalla mancanza di occhiali progressivi.

La visione degli spagnoli in cifre

I dati dello studio “It’s time for Progressives” di Multiópticas si concentrano sulla riflessione sui problemi di vista della popolazione spagnola tra i 40 ei 70 anni, di cui quasi l’80% ha problemi a vedere da vicino. Le attività più comuni in cui gli intervistati hanno avuto problemi di vista includono la lettura dal cellulare (quasi il 63%), la lettura di media comuni come il menu di un ristorante (55%) e il lavoro con i documenti nell’ambiente di lavoro (un 51%).

Alcuni dati sorprendenti dello studio “It’s time for Progressives”, come il fatto che il 41% degli intervistati nasconde i propri problemi di vista, hanno portato Multiópticas ad approfondire le ragioni. Si scopre così che uno degli incentivi più comuni che porta gli intervistati a nascondere la propria mancanza di visione è il fattore sociale. Non riuscire a leggere bene il menù di un ristorante in presenza di altri amici porta il 13% delle persone dai 40 ai 49 anni a nascondere la necessità di lenti progressive.

Vedi anche:  giornata mondiale dell'allattamento

Lo studio mostra anche che quasi il 90% degli spagnoli con problemi di vista ha preso in considerazione l’idea di indossare gli occhiali, mentre solo il 32% li ha usati. Per quanto riguarda coloro che non hanno mai pensato di indossare gli occhiali, lo studio indica che la pigrizia nel sottoporsi alla visita oculistica è il motivo principale, ma evidenzia anche il rifiuto di sentirsi più grandi di loro, poiché la metà degli intervistati ritiene che l’età media per iniziare a usare gli occhiali progressivi è vicino ai 50 anni.

Infatti, circa 8 spagnoli su 10 che hanno avuto problemi di vista vedendo la lettera nel menu di un ristorante ammettono di non essersi vergognati di allungare il braccio per vedere chiaramente, ma quelli tra i 40 e i 49 anni sono quelli che più indicare vergogna.

Articolo precedenteOra sì, PharmaMar attacca la linea guida ribassista dell’ultimo anno e mezzo
Articolo successivoHong Kong e Giappone restano oltre il 2% e guidano i ribassi dei mercati azionari asiatici