Home Economia Deutsche Bank migliora le prospettive di crescita della Spagna nel 2022 e...

Deutsche Bank migliora le prospettive di crescita della Spagna nel 2022 e nel 2023

87
0

Banca tedesca migliora le prospettive di crescita della Spagna per il 2022. Lo stima la banca tedesca il rimbalzo del prodotto interno lordo (PIL) quest’anno sarà del 4,5%come riportato mercoledì.

In il tuo ultimo rapporto, DB aveva tagliato la crescita dell’economia spagnola di 2,5 punti, dal 6,3% calcolato a fine 2021 al 3,8% stimato ad aprile. Adesso, aumenta di sette decimi la previsione di crescita del PIL rispetto all’ultimo calcolo. Questo miglioramento continua anche alle prospettive di crescita per il 2023, che passano dall’1,9% di aprile al 2,4% stimano ora a luglio.

Tuttavia, l’azienda teutonica ritiene che le prospettive macroeconomiche per il 2022 sono peggiorate dall’inizio dell’anno a causa della crescita inflazioneinterruzioni nel catena di forniturae soprattutto, il forte inasprimento delle condizioni monetarie svolta dalle banche centrali.

“I consumi delle famiglie sono stati colpiti sia per questo, sia per un aumento dell’inflazione in generale, soprattutto dei prezzi dei generi alimentari. Allo stesso tempo, le aziende stanno posticipando i loro investimenti a causa dell’incertezza macroeconomica”, afferma. Rosa DuceChief Investment Officer di Deutsche Bank Spagna.

Allo stesso modo, DB ha abbassato le sue previsioni di crescita per l’economia statunitense nel 2022 e aspetta uno recessione tecnica nella prima metà del 2023. Allo stesso modo, aumentare il rischio di recessione in Europa e nell’eurozona se si tagliano le importazioni di gas naturale dalla Russia Nel futuro prossimo.

Vedi anche:  Investire in 'valore'? Sì, ma non alla cieca: scommetti su energia e banche

Per quanto riguarda l’evoluzione dei prezzi, da Deutsche Bank lo considerano l’inflazione potrebbe aver già raggiunto il picco negli Stati Unitima ancora suscettibile di rimbalzo nella zona euro da una successiva materializzazione degli effetti di base. Tuttavia, le tensioni causate dai rialzi dei prezzi dell’energia “dovrebbero attenuarsi nella seconda metà del 2022”. “Guardando al 2023, l’inflazione dovrebbe scendere considerevolmente dagli attuali livelli elevati”aggiungono.

RISCHI E STRATEGIE DI INVESTIMENTO

Nel suo ultimo rapporto, sottolinea la banca tedesca vari fattori che pongono rischi diversi per l’economia globale. Il primo e più ovvio è il conflitto armato in Ucrainacosa potrebbe intensificare ulteriormente le pressioni inflazionistichesoprattutto nei prezzi dell’energia e del gas in particolare, se i paesi occidentali intensificano le sanzioni. Precisamente, l’inflazione elevata sta causando a paura crescente di una recessione che sta cominciando a essere molto reale per i mercati.

In secondo luogo, DB lo fa notare Elezioni di medio termine negli Stati Uniti dell’8 novembre può essere fondamentale per il futuro dei prossimi mesi, dal momento che I democratici hanno difficoltà ad adottare la sua agenda politica e una battuta d’arresto elettorale potrebbe ridurre ulteriormente lo spazio di manovra dell’Esecutivo di Joe Biden. D’altro canto, l’evoluzione dell’economia cinese sarà “cruciale” per la crescita globale, dal momento che una riapertura del colosso asiatico dopo i suoi problemi con il Covid-19 potrebbe “aumentare la domanda di energia” e “accelerare la ripresa economica globale”. “Tuttavia, se la crescita cinese riprenderà come previsto nel secondo semestre, ciò potrebbe innescare ulteriori aumenti dei prezzi dell’energia”, avvertono.

Vedi anche:  Caixabank raggiunge il 25% del suo programma di riacquisto di azioni

In questo contesto, la banca tedesca stima che i livelli assoluti di rendimento del debito pubblico “Sono tornati a un intervallo in cui gli investitori considereranno ancora una volta di investire nel reddito fisso come una classe di attività generatrice di reddito”. Pertanto, con il rallentamento della crescita, “si ridurrà la pressione sulle banche centrali, il che favorirebbe i titoli di Stato”. D’altra parte, DB ritiene che all’interno del reddito fisso aziendale è meglio concentrarsi “sul segmento di altissima qualità”, poiché “i rischi legati al rialzo dei tassi, unitamente alla preoccupazione per la recessione, hanno fatto uscire gli spread dai minimi” e le possibilità di default sulle obbligazioni più rischiose sono in aumento.

Nei mercati di azioniDB lo ritiene scambierà al rialzo per i prossimi 12 mesi, ma si prevede che la volatilità persista nel breve termine; Inoltre, ritiene che il parquet cinese “abbia il potenziale” per recuperare di una percentuale a una cifra dai livelli attuali entro 12 mesi, ma vede anche “improbabile” che le azioni cinesi attirino nuovamente l’interesse degli investitori fino alla fine. dei lockdown.

Articolo precedenteI prezzi del petrolio si riprendono dai cali, sebbene l’offerta rimanga un problema
Articolo successivoI timori di inflazione e recessione segnano il ritmo dei mercati valutari