Home Salute Cos’è il cancro al seno? Sintomi, trattamento e mortalità

Cos’è il cancro al seno? Sintomi, trattamento e mortalità

96
0

Pochi giorni fa, Julia Otero ha annunciato i buoni risultati della sua cura per il cancro al seno e il suo prossimo ritorno a Onda Cero. Questa mattina Ana Rosa Quintana ha annunciato nel suo programma Telecinco di soffrire della stessa malattia.

Secondo i dati mostrati dal Gruppo Geicam, nel 2020 sono stati diagnosticati 34.088 nuovi casi di cancro al seno in Spagna e il tasso di incidenza è 132 casi ogni 100.000 abitanti, vale a dire, 1 donna su 8 avrà questo tipo di cancro. Sebbene sia meno frequente, anche gli uomini possono soffrirne. Questo tipo di tumore compare solitamente tra i 35 e gli 80 anni, ma il range tra i 45 ei 65 anni è quello con la più alta incidenza.

Cos’è il cancro al seno?

Il cancro al seno È una malattia in cui le cellule del seno si moltiplicano fuori controllo. Secondo l’Associazione spagnola contro il cancro al seno, tumore maligno loro hanno un crescita incontrollata e può diffondersi attraverso i tessuti. Inoltre sono costituiti da cellule che hanno subito alterazioni e mutazioni genetiche, che consente loro di eludere il controllo del ciclo di divisione cellulare, nascondersi nel sistema immunitario e infiltrarsi nei tessuti circostanti.

Il seno è composto da tre parti principali: lobuli (le ghiandole che producono il latte), condotti (che trasportano il latte al capezzolo) e il tessuto connettivo (formato da tessuto fibroso e adiposo e che circonda tutte le parti del seno). Esistono diversi tipi di cancro al seno, anche se i più comuni sono il carcinoma duttale infiltrante (le cellule tumorali iniziano nei dotti e poi si moltiplicano in altri tessuti mammari) e il carcinoma lobulare infiltrante (le cellule tumorali iniziano nei lobuli e poi passano al seno più vicino tessuti).

Vedi anche:  Jenna Jameson, l'ex attrice porno che non può camminare a causa della sindrome di Guillain-Barré

Il tumore può crescere in tre modi: il crescita locale (cresce per invasione diretta), diffusione linfatica (le cellule tumorali invadono la rete dei vasi linfatici e raggiungono i nodi) e diffusione ematogena (attraverso i vasi sanguigni e va alle ossa, ai polmoni, al fegato e alla pelle).

Sintomi

Il Segnali di avvertimento di cancro al seno sono diversi in ogni persona e, anche, nessuno può svilupparsi. Alcuni dei sintomi possono essere: nuovo nodulo al seno o nel ascella, rigonfiamento in una parte del seno, irritazione della pelle, arrossamento o cedimento nella zona del capezzolo, secrezione dal capezzolo Y cambio taglia o la forma del seno, tra gli altri. La comparsa di alcune di queste patologie può essere dovuta ad altre condizioni mediche, come la malattia fibrocistica e le cisti.

Ad ogni modo, ce ne sono alcuni fattori di rischio che influenzano l’aspetto della malattia, come il età, avendo avuto il mestruazioni prima dei 12 anni e a menopausa dopo i 55, sfondo personale o familiare di cancro al seno o alle ovaie, precedente trattamento con radioterapia Y mutazioni genetiche in BRCA1 e BRCA2.

Trattamento

Il trattamento di cancro al seno sarà determinato da diversi fattori, come può essere il stadio della malattia, il sottotipo di cancro del seno e le caratteristiche del paziente.

Vedi anche:  La sesta ondata batte il record di ricoveri ospedalieri di bambini con covid in Catalogna

Secondo i dati dell’Associazione spagnola contro il cancro, il L’80% dei tumori al seno sarà localizzato, il che significa che il tumore colpisce il seno e forse l’ascella, ma non ci sono metastasi. In questi casi, il l’obiettivo è la guarigione e verranno combinate diverse terapie che potrebbero essere chirurgia, radioterapia Y terapie sistemiche (chemioterapia, terapia mirata, terapia biologica, terapia endocrina e immunoterapia) e tecniche di ricostruzione del seno.

si può distinguere due tipi di chirurgia: il conservatore e il mastectomia. Il primo è composto da rimozione del tumore con un margine di tessuto mammario sano, ma mantenendo intatto il resto del seno. Invece, il mastectomia radicale modificata è una tecnica usata per rimuovere il tessuto mammario. La mastectomia radiale, in disuso, consisteva nell’asportazione della mammella, dei muscoli del torace e dei linfonodi posti sotto il braccio.

Per i casi in cui sei già c’è metastasi, il trattamento consisterà in terapie sistemiche. Anche se in alcuni casi è possibile ricorrere alla radioterapia e alla chirurgia.

Mortalità

Secondo il rapporto “Le cifre del cancro 2021” della Società Spagnola di Oncologia Medica (SEOM), il cancro al seno continua ad essere il principale causa di morte tra le donne in Spagna, con oltre 6.000 decessi all’anno. Ciò rappresenta il 17% di tutti i decessi per cancro nelle donne nel nostro paese e il 3,3% di tutti i decessi nelle donne.

Sebbene il cancro continui ad essere una delle principali cause di morte, sopravvivenza di pazienti con carcinoma mammario è aumentata negli ultimi anni grazie ai nuovi trattamenti disponibili.

Articolo precedenteLa Catalogna semplifica gli scarichi e gli scarichi dovuti al covid per alleviare la PAC
Articolo successivoRomelu Lukaku del Chelsea si scusa per il “sconvolto” che ha causato con i commenti; Thomas Tuchel pronto ad “andare avanti”