Home Salute Cose che sbagliamo quando prendiamo medicine

Cose che sbagliamo quando prendiamo medicine

67
0

Bere medicinali periodicamente non è strano. Sebbene sia più comune quando invecchiano, ci sono anche giovani con problemi di salute che hanno bisogno di pillole ogni giorno. Per non parlare dei farmaci che vengono assunti in un momento specifico per un dolore specifico. E a loro bisogna aggiungere tutti quelli che si possono acquistare in farmacia senza bisogno di ricetta.

Inoltre, studi recenti lo indicano il consumo di droga è in aumento, a maggior ragione dopo il confinamento dovuto alla prima ondata di coronavirus. Le restrizioni per fermare l’espansione del covid-19 hanno innescato il consumo di ansiolitici.

Tuttavia, nonostante il fatto che la stragrande maggioranza creda che assumere un farmaco sia semplicemente prendere una pillola al momento giusto, la verità è che le persone si impegnano molti errori durante l’assunzione di farmaci. Qui ne raccogliamo alcuni e le modalità corrette per consumarli.

Vedi anche:  vaiolo delle scimmie | La Comunità di Madrid individua nella sauna la principale fonte di focolaio

A stomaco vuoto? Dipende

Ci sono farmaci che dovrebbero essere assunti durante i pasti e altri che è meglio assumere a stomaco vuoto. Ma non esiste una formula matematica che permetta di sapere quale appartiene a ciascun gruppo, ma la soluzione è molto più semplice: consulta la ricetta. In quel grande foglio di carta così spesso dimenticato arrivano tutte le informazioni sulla medicina che verrà consumata. Tra l’altro, il modo ideale per mangiarli sembra evitare il disagio digestivo.

Le pillole devono essere masticate?

Generalmente no, a meno che non si tratti di una compressa masticabile. Se è fatto, la composizione può essere modificata del farmaco, che si pensa raggiunga lo stomaco in un unico pezzo e venga lì attivato attraverso il cosiddetto “rilascio ritardato”.

Possono dividersi?

Idealmente, non modificare la dose. Il motivo è semplice, ed è che lo è molto difficile, ad esempio, rompere una pillola in due quantità identiche. Se la quantità non è adeguata o se ci sono difficoltà a deglutire le compresse, è meglio consultare un medico o un farmacista per vedere se esiste un formato liquido dello stesso composto attivo.

Vedi anche:  La Catalogna rileva i primi due casi di omicron furtivo

Meglio impostare una sveglia

Ci sono farmaci che devono essere assunti in periodi di tempo specifici e per questo motivo è meglio farlo imposta una sveglia sul cellulare tanto che è impossibile dimenticarlo. È anche fondamentale assumere i farmaci per tutto il tempo prescritto dal medico, anche se il paziente si sente completamente guarito.

Articolo precedenteQuesto è Wordle, il semplice gioco virale che fa impazzire Twitter e Facebook
Articolo successivoIl governo rinuncia al limite di 180 euro/MWh nel prezzo dell’energia elettrica