Home Technologia Cosa sono le terre rare, l'”oro verde” del 21° secolo

Cosa sono le terre rare, l'”oro verde” del 21° secolo

133
0

Lantanio, neodimio o terbio. Probabilmente non ne hai mai sentito parlare minerali. Tuttavia, senza di loro non avremmo cellulari, fibra ottica o auto elettriche. Questi sono tre dei 17 elementi chimici che formano il cosiddetto terre rareun materiale essenziale per la creazione di tutti i tipi di tecnologiada civile a militare, e per transizione energetica.

Questi elementi sono particolarmente apprezzati per la loro grande capacità di conduttori di elettricità così come le sue proprietà magnetico unico. Queste qualità hanno reso le terre rare inevitabili per un’economia sempre più digitale e per un mondo che cerca alternative per mitigare cambiamento climatico. Si stima che la sua domanda possa salire alle stelle da tre a sette volte entro il 2040.

Questi materiali metallici sono utilizzati nei computer, nella risonanza magnetica, nelle batterie e nei reattori nucleari, ma anche per la realizzazione di motori e batterie elettrichecosì come in circa il 20% di tutti turbine eoliche. Questo, insieme alla non emissione di gas inquinanti, significa che le terre rare sono state viste come un pilastro per la transizione verso fonti energetiche più pulite e sostenibili.

Vedi anche:  1/3 della popolazione mondiale non ha ancora accesso a Internet

paradosso ecologico

Tuttavia, non presentano nemmeno problemi minori. Il nome di terre rare non è dovuto a una questione di scarsità, ma alla difficoltà nel reperire ed estrarre questi minerali. Sebbene abbondano nella crosta terrestre, non si trovano normalmente in grandi concentrazioni o nella loro forma pura, ma geologicamente mescolati con altri elementi, il che complica il loro accesso e rende il processo di estrazione essere particolarmente aggressivo e costoso. Aggiunto alla sua crescente domanda, ciò potrebbe causare problemi di approvvigionamento nei prossimi anni. Il suo prezzo si è moltiplicato per tre dal 2020.

Non producendo emissioni di gas serra, questi minerali sono visti come alternative ecologiche. Tuttavia, la sostenibilità del cosiddetto “oro verde” comporta un importante paradosso. Per setacciare le terre rare e separarle dagli altri elementi con cui sono amalgamate, devono essere lavate con acidi, che generano rifiuto tossico e radioattivi che rappresentano un problema per la salute sia degli estrattori che del pianeta stesso. Pertanto, la presunta chiave della rivoluzione tecnologica è, a sua volta, importante problema ambientale.

in mani cinesi

Un altro problema è la sua concentrazione di terre rare. Si stima che l’85% della fornitura mondiale di questa risorsa fondamentale sia nelle mani di Cina, dove si trovano i maggiori giacimenti del pianeta (quasi il 37% delle riserve). Il colosso asiatico ha assunto la sua estrazione alla fine del secolo scorso quando l’Occidente ha rinunciato a causa delle sue condizioni pericolose e ora ha utilizzato questo asset per rafforzare il suo impegno a energie pulitema anche per rafforzare la propria posizione di produttore in un settore che è diventato la punta di diamante della guerra commerciale e del primato tecnologico tra Pechino e Washington.

Vedi anche:  Mr. Kitchen di Lidl torna sugli scaffali con alcune novità!

Analogamente a quanto accade con il mercato dei semiconduttori, il capitale di questo materiale per la fabbricazione di tecnologie civili, militari ed energetiche ha portato a Stati Uniti d’America Eppure il Unione europea (UE) per trovare formule per ridurre la propria dipendenza dalle esportazioni cinesi. Myanmar, Brasile, Russia, Australia e India sono altri paesi che partecipano a una corsa globale per estrarre questi minerali. Anche così, la concentrazione di terre rare e la mancanza di accesso diretto che la maggior parte dei paesi ha minacciano di accentuare futuri problemi di approvvigionamento.

Articolo precedenteAcer introduce un computer simile a Chromebook per i giochi
Articolo successivoPalme da flamenco | Una macchina riproduce le palme da flamenco
Un appassionato di viaggi. Giornalista e bevitore di caffè. Web evangelist e fanatico della birra da sempre, ma anche appassionato di cultura pop!