Home Salute Cosa fare se si hanno i sintomi del monovirus

Cosa fare se si hanno i sintomi del monovirus

70
0

Il ministro della Salute, Carolina Dariaslo ha affermato il Sistema Sanitario Nazionale è in allerta dalla comparsa di possibili casi di infezione da vaiolo delle scimmie i cui sintomi sono eruzioni cutanee non gravi, dolori muscolari e febbre.

Darias ha raccomandato alle persone che mostrano questi sintomi contattare telefonicamente il proprio centro sanitarioQuella isolarti in casa, evitare il contatto fisico con persone e animali domestici fino a quando le eruzioni cutanee scompaiono. Per quanto riguarda la personale sanitarioè necessario il massima protezione e uso di apparecchiature epi, sorveglianza, allerta e follow-up dei casi.

Il ministro ha assicurato in un’intervista a ‘El Objective’ di La Sexta che “il sistemi di rilevamento e tutto il terminali del sistema sanitario nazionale è così in allerta per il rilevamento” e ha aggiunto che “dovremo farlo portare i campioni al Centro Nazionale di Microbiologia per confermare il positivo specificare che si tratta di vaiolo delle scimmieche è quanto ora resta da precisare”.

Vedi anche:  Oms e Unicef ​​avvertono del più grande calo dei vaccini infantili in 30 anni

Il capo della Sanità ha spiegato che lo è di un virus e non da una malattia a trasmissione sessuale, che si diffonde e si trasmette per stretto contatto e che “è apparso negli anni ’70 in Africa per il trasmissione dagli animali alle personequindi una malattia zoonotico virale“.

Nessun cittadino è entrato

Darias ha affermato che si tratta di a malattia “molto rara e rara e che sono comparsi casi nel Regno Unito, Portogallo e Svezia, alcuni già confermati” e, quindi, ha sottolineato che “sarebbe il prima volta avremmo una catena di trasmissione in Europa che non è collegato ai viaggi nelle aree dell’Africa occidentale e centrale dove si verifica questo virus.

Il La comunità di Madrid Ha rilevato 23 possibili casi di infezione da vaiolo delle scimmie nella regione, che sono attualmente allo studio in coordinamento con il Centro Nazionale di Microbiologia per confermare la diagnosi.

Vedi anche:  L'incidenza interrompe la sua tendenza al ribasso e sale di un punto a 430 casi

Anche così, il ministro lo ha sottolineato l’evoluzione della malattia è favorevolesenza gravità, e che c’è a protocollo di diagnosi precoce che sarà distribuito alle persone con sintomi e al personale sanitario per sapere come agire.

Secondo Darias, “finora” non c’è cittadino inserito per vaiolo delle scimmie e La Spagna è in una “buona evoluzione”.

Articolo precedentePer questo le donne britanniche vengono in Spagna per acquistare farmaci anti-menopausa
Articolo successivoOriol Mitjà: “Il vaiolo non sarà una pandemia come il covid, ma è un’infezione grave”