Home Economia Correzione al dollaro in vista: “Attenzione a quello che dice la Fed...

Correzione al dollaro in vista: “Attenzione a quello che dice la Fed e non a quello che fa”

37
0

Il mercato ha ampiamente scontato un aumento del tasso dello 0,5% questo mercoledì da parte della Federal Reserve (Fed) degli Stati Uniti e sebbene non siano pochi coloro che credono che il Comitato di politica monetaria (FOMC) potrebbe sorprendere con un aumento fino allo 0,75% , diverse voci si sono levate per avvertire che il futuro orientamento della banca centrale sarà decisivo nel dare ragione a chi crede che nella banca centrale regneranno i ‘falchi’. Ma ci sono rischi che la recente debolezza dell’economia statunitense insomma i membri più aggressivi del FOMC. Pertanto, le azioni e le valute potrebbero organizzare un rally di sollievo.

Il Euro/Dollaro continua a trovare supporto appena sopra i minimi della scorsa settimana a 1,0470$, “con il prossimo obiettivo di ritestare i minimi del 2017 a 1,0340”, afferma Michael Hewson, analista di CMC Markets. “Per alleviare il rischio di un deprezzamento verso la parità, dobbiamo vedere un ritorno al di sopra dell’area 1,0820”, afferma.

Vedi anche:  Finché ArcelorMittal rispetta i 23 euro, è ancora tutto in ordine

“È ciò che dice il FOMC, non ciò che fa, determinerà la direzione a breve termine del dollaro USA“, afferma Jeffrey Halley, analista di Oanda. “Qualsiasi indicazione che il discorso del FOMC vacilla nella sua aggressività potrebbe innescare una buona correzione al ribasso dell’indice del dollaro”, aggiunge. “Ha un supporto a 103,00 e una resistenza a 104,00. Il massimo del triangolo pluriennale è oggi a 102,50 e il suo fallimento indica una correzione più profonda verso 101,00”.

Nel suo incrocio contro l’euro, lo sottolinea il “biglietto verde” si sta consolidando in un range compreso tra 1,0500 e 1,0600 dollari questa settimana e “con i rischi economici e politici che circondano il conflitto Russia-Ucraina in pieno svolgimento, qualsiasi rally di soccorso della Fed dovrebbe superare tra $ 1,0700 e $ 1,0800”, osserva l’analista.

Vedi anche:  Powell (Fed): "In programma un rialzo dei tassi di 50 punti base a maggio"

Articolo precedenteBME lancia xRolling Stocks, i nuovi contratti Stock Futures
Articolo successivoE se bitcoin avesse già prezzato una Fed più aggressiva? I pessimisti si aspettano più cadute