Home Vita Pratica Consigli per creare e mantenere giardini eterni

Consigli per creare e mantenere giardini eterni

123
0

Tra gli altri, i giardini perenni sono un’ottima opzione per dare vita alle nostre case, un’alternativa decorativa che può essere utile per migliorare l’aspetto di un angolo della casa o anche come regalo. Per questo motivo ci concentriamo sulla scoperta di quali sono i trucchi per creare e mantenere giardini eterni. Infatti, il loro principale vantaggio è che, a differenza di altri giardini, richiedono pochissima manutenzione. Molte persone non finiscono per avere piante in casa perché non hanno il tempo o l’interesse di seguire le loro esigenze.

Consigli per creare e mantenere giardini eterni

Ideale per qualsiasi tipo di proprietario di casaI giardini eterni non sono altro che la ricreazione di un ecosistema tropicale all’interno di una contenitore di vetro di spessore intermedio, In altre parole, all’interno di questo contenitore si riprodurranno tutti i processi che garantiscono la sopravvivenza di ciascuna delle specie in esso incluse, evitando che siate voi stessi a promuovere questi fenomeni.Come realizzare un giardino eterno passo dopo passoLa prima cosa di cui avrete bisogno è il contenitore, che può essere un terrario. L’unica cosa essenziale è che sia in vetro. È essenziale che sia in vetro per le sue proprietà e che sia trasparente per poter vedere la situazione del giardino. pietre o ghiaia che possano drenare. Questo per evitare che il fondo si impregni d’acqua. Sopra di esse, collocate un substrato umido della migliore qualità possibile, quindi piantate nel substrato alcune specie, che consigliamo di appartenere ad ambienti tropicali. Questi sono quelli che si adattano meglio a condizioni di scarsa luminosità e alta umidità, Hanno anche il vantaggio di non attecchire quasi mai, quindi non compromettono il terreno del terrario. Possiamo consigliare esemplari di potus, orchidee, felci, licheni, ficus, tillandsie, fitonie, Infine, è una buona idea far cadere o decorare alcuni pezzi di tronchi, ramoscelli e rocce sulla superficie del substrato, che lo manterrà umido più a lungo, e con l’aiuto di alcuni insetti decompositori, come i lombrichi, il terreno rimarrà umido più a lungo. In questo modo si manterrà più a lungo l’umidità nel terreno e, con l’aiuto di alcuni insetti decompositori, come i lombrichi, si garantirà il riciclo dei nutrienti. Ora sapete qual è il modo migliore per creare questo tipo di giardino.

Articolo precedenteLidl lancia un nuovo cardigan senza maniche di tendenza a meno di 20€!
Articolo successivoGli abiti a righe che non riuscirete a togliervi quest’autunno: non perdeteli, stanno andando a ruba!
Un appassionato di viaggi. Giornalista e bevitore di caffè. Web evangelist e fanatico della birra da sempre, ma anche appassionato di cultura pop!