Home Moda e bellezza Come preparare la pelle prima di prendere il sole?

Come preparare la pelle prima di prendere il sole?

144
0

La pelle si rinnova in cicli di 28 giorni. In inverno, a causa degli abiti che indossiamo e del fatto che la pelle non è esposta al sole, questo rinnovamento rallenta e si accumula uno strato più profondo di cellule cheratinizzate (o morte).

L’abbronzatura sarà più uniforme e duratura se le nuove cellule sono abbronzate e non quelle morte. Inoltre, l’eliminazione delle cellule cheratinizzate eviterà la formazione di macchie sulla pelle e il mantello idrolipidico rimarrà completamente compatto.

Attraverso un ‘peeling’ elimineremo le cellule cheratinizzate. Padilla propone l’Alfa Idrossiacido di Bottega di Lungavita, un ‘peeling’ enzimatico a base di enzimi della frutta, consiglia inoltre l’esfoliazione meccanica a base di noccioli di frutta con microparticelle.

INCLUDERE I PRODOTTI CON VITAMINA C NELLA NOSTRA ROUTINE

La vitamina C è uno dei migliori antiossidanti e una risorsa molto salutare per la pelle. Applicando prodotti che lo contengono, come alcuni sieri, aiuteremo la nostra pelle a neutralizzare l’azione dei radicali liberi e prevenire le aggressioni solari e il fotoinvecchiamento.

UTILIZZARE LA PROTEZIONE SOLARE GRADUALMENTE

Dobbiamo proteggere la pelle sia quotidianamente che quando andiamo a prendere il sole. Nei momenti di maggiore esposizione, dobbiamo avere un impatto maggiore su questa protezione. Un consiglio di Maria Padilla è quello di applicare la protezione gradualmente, da più a meno, con l’avanzare dell’estate.

CONTROLLA IL TEMPO DI ESPOSIZIONE

Si sconsiglia di prendere il sole per più di 15 minuti durante le prime esposizioni. Questo tempo può aumentare gradualmente con il passare dei giorni e la nostra pelle è più preparata a ricevere dosi più elevate di sole. Si consiglia di evitare di prendere il sole tra le 12:00 e le 16:00 e si sconsiglia di farlo per più di 2 ore alla volta.

Articolo precedenteIl Bellvitge Hospital festeggia il suo primo giorno senza alcun “paziente covid” in terapia intensiva
Articolo successivoCinque motivi per visitare Madrid a giugno